email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Francia

Il grande debutto di Faubourg 36 di Barratier

di 

L'edizione 2004 del World Film Festival di Montreal aveva segnato l'inizio della fruttuosa carriera internazionale del suo primo lungometraggio, I ragazzi del coro [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
; ieri Christophe Barratier ha aperto la competizione della 32ma edizione della manifestazione quebecchese con la sua seconda opera, Faubourg 36 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Un debutto ben accolto dalla stampa canadese, che sottolinea il fascino classico di un film diretto nella stessa vena popolare del suo predecessore, ma con maggiore ambizione (la direzione della fotografia è di Tom Stern, collaboratore abituale di Clint Eastwood) e numerosi riferimenti al cinema degli Anni '30 (Jacques Prévert, Marcel Carné, Julien Duvivier, René Clair…). Anche l'interpretazione è oggetto di elogi, in particolare per la rivelazione femminile Nora Arnezeder e il trio composto da Gérard Jugnot, Clovis Cornillac (la cui recitazione è a metà tra quella di Jean Gabin e di Serge Reggiani) e Kad Merad.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Faubourg 36 è ambientato in una banlieue del nord di Parigi nel 1936, quando l'elezione del Fronte Popolare fa nascere le più folli speranze e favorisce gli estremismi. Tre operai disoccupati decidono di occupare il music-hall dove lavoravano per cercare di montarvi uno spettacolo di successo. Coproduzione franco (70 %) – tedesco (20 %) – ceca (10 %) guidata da Galatée Films con Constantin, il lungometraggio ha beneficiato di un budget di 28 M€, che include gli investimenti di France 2 Cinéma (2,1 M€) e di France 3 Cinéma (1,6 M€), oltre ai pre-acquisti di Canal + e TPS. Il film sarà lanciato in Francia da Pathé il 24 settembre, uscirà in Belgio lo stesso giorno e in Germania il 27 novembre.

Il World Film Festival di Montreal (dal 21 agosto al primo settembre), che ha premiato nel 2007 Un Secret [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Claude Miller e Ben X [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nic Balthazar
intervista: Peter Bouckaert
scheda film
]
di Nic Balthazar, rende omaggio quest'anno a Isabelle Huppert. Tra le altre produzioni francesi in programma, figurano fuori concorso Mes stars et moi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Laetitia Colombani, Sagan [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Diane Kurys e Le voyage aux Pyrénées [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jean-Marie e Arnaud Larrieu.

Da segnalare anche nel programma Focus on World Cinéma la prima mondiale di A l’aventure [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jean-Claude Brisseau, Un chanson dans la tête [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Hany Tamba, la coproduzione islando-francese Back Soon [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sólveig Anspach Comme une étoile dans la nuit [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di René Féret, La saison des orphelins [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di David Tardé, la coproduzione franco-belga Le septième juré di Edouard Niermans e Le voyage de la Veuve di Philippe Laïk.

Presenti anche la coproduzione franco-svizzera Passe passe [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Tonie Marshall, le coproduzioni belgo-francesi Elève libre [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jacques-Henri Bronckart
intervista: Joachim Lafosse
scheda film
]
di Joachim Lafosse e Rumba [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Charles Gillibert
intervista: Dominique Abel e Fiona Gor…
scheda film
]
del trio Dominique Abel - Fiona Gordon - Bruno Romy, senza dimenticare La Troisième partie du monde [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Eric Forestier e Tengri [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Marie Jaoul de Poncheville.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy