email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2008 Giornate degli Autori

Valkeapää porta al Lido un incantevole Visitor

di 

Il film d’esordio di Jukka-Pekka Valkeapää, The Visitor [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, è stato accolto con grande entusiasmo dal pubblico delle Giornate degli Autori, oggi alla sua proiezione ufficiale.

Misterioso e rarefatto, il film ha come protagonista un ragazzo (Vitali Bobrov), che vive con sua madre in una piccola fattoria, fa visita in carcere a suo padre ed ha come unico amico un cavallo. La routine viene sconvolta dall’arrivo di un visitatore (Pavel Liska, protagonista anche di un altro film delle Giornate, A Country Teacher [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bohdan Slama
scheda film
]
) che arriva con un messaggio del padre e un proiettile nel fianco. Sospeso in un tempo e in un luogo non definiti, il film trasmette con straordinaria maestria la confusione del ragazzo e la sua curiosità nei confronti del misterioso visitatore, non permettendo mai allo spettatore di capire più di quello che lo stesso ragazzo riesce a cogliere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Durante l’incontro, Valkeapää ha detto che The Visitor è nato inizialmente da un’ispirazione tratta dal lavoro del pittore Americano Andrew Wyeth. Per creare un film quasi muto che riuscisse comunque a comunicare con un linguaggio universale, lui e il suo co-sceneggiatore Jan Forström lo hanno realizzato partendo da piccoli frammenti di questa e di un’altra storia che stavano scrivendo. Forström, compagno di scuola del regista, ha aggiunto: “Fin dall’inizio questo film è stato incentrato sulle immagini, sui suoni e sulle emozioni piuttosto che su una struttura narrativa tradizionale”.

Valkeapää e il direttore della fotografia Tuomo Hutri hanno optato per luci naturali e per una gamma cromatica sobria, ricca di toni blu, verdi e marroni che rendono bene l’atmosfera di povertà nel quale i personaggi vivono e la natura lussureggiante che li circonda. “E’ stato bandito solo il colore rosso, e lo abbiamo usato esclusivamente per il sangue” ha detto Valkeapää. “Per il resto abbiamo scelto di usare solo colori semplici e pallidi”.

Dopo aver fatto provini ad oltre 800 ragazzi per il ruolo da protagonista, i realizzatori del film hanno scelto l’affascinante debuttante Bobrov, che porta sulle spalle l’intero film. Pur riconoscendo che girare un film non è mai una cosa facile, il regista ha ammesso che “lavorare con Vitali è stata la cosa più semplice di tutto il processo. E’ un vero talento naturale, incapace di fare qualcosa che sia anche minimamente artificioso”. Bobrov ha detto al pubblico di essere stato di felice di aver lavorato per un film così bello.

Da parte sua Liska non ha rivelato niente del suo misterioso personaggio, e ha detto che far parte del cast di questo film è stata “un’esperienza emozionante, diversa, poetica ed enigmatica, proprio come il film”.

The Visitor, del valore di 1.2 milioni di euro, è una produzione di maggioranza del Finnish Film Foundation, col supporto di Eurimages, Filmstiftung Nordhrein-Westfalen, ZDF, Arte, YLE, Nordic Film & TV Fund, Film Foundation e Ministero della Cultura d'Estonia e Dipartimento di Cinema e Televisione della University of Art and Design di Helsinki.

Il film viene venduto all'estero da Wild Bunch.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy