email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

DISTRIBUZIONE Francia

Gli indipendenti lanciano l'allarme

di 

Concentrazione crescente degli operatori, rotazione sempre più rapida dei film nelle sale, aumento delle spese di distribuzione e controfferte praticate dai potenti gruppi integrati la cui attività principale non è il cinema, ma che approfittano dei sistemi di sostegno francesi: DIRE (Distributori Europei Riuniti) e lo SDI (Sindacato dei Distributori Indipendenti) lanciano l'allarme.

Considerandosi come "gli unici garanti della creazione e della diversità dell'offerta dei film nelle sale", i distributori indipendenti sottolineano che la loro situazione non è mai stata così fragile e chiedono ai poteri pubblici misure urgenti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Firmatari di una documento diviso in due parti ("Stato delle cose" e "Le nostre proposte", scaricabile cliccando qui), DIRE e lo SDI reclamano cinque misure principali. Chiedono innanzitutto la creazione da parte del Centre National de la Cinématographie (CNC) di un'etichetta del distributore indipendente al fine di differenziare i gruppi integrati, le filiali di distribuzione dei canali TV, i gruppi delle telecomunicazioni e i fornitori di accesso Internet. Seconda richiesta: una riforma degli aiuti con un aumento del sostegno selettivo e l'indirizzamento del sostegno automatico verso le strutture la cui economia si basi per la maggior parte sull'attività di distribuzione dei film nelle sale.

DIRE e lo SDI sottolineano anche la necessità di essere accompagnati nella transizione verso la diffusione digitale dei film nelle sale. E nella loro relazione sull'esercizio, chiedono garanzie riguardo al livello di spartizione degli introiti e un intervento del CNC per arrestare la crescita dei costi di promozione dei film. Infine, i poteri pubblici sono chiamati a risolvere lo squilibrio dei rapporti di forza con i gruppi televisivi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy