email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PREMI Germania

Cemento armato vince a Braunschweig

di 

Cemento armato vince a Braunschweig

La 22ma edizione del Festival internazionale di Braunschweig (4-9 novembre), che dal 1986 pone l'accento sul cinema europeo, si è concluso questo weekend con la vittoria del film italiano Cemento armato [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e dell'attore di origine svizzera Bruno Ganz.

L'Heinrich, premio attribuito dal pubblico alle opere prime e seconde europee di qualità, al suo decimo anno e dotato di 10.000€ (una parte dei quali destinati alla distribuzione del film in Germania), è andato a Cemento armato di Marco Martani (vendite Visual Factory). Questa storia di uno squilibrato faccia a faccia tra un giovane uomo e un padrino mafioso ha avuto la meglio su altri otto candidati che rappresentavano altrettanti paesi europei (compresa l'Ungheria con Bahrtalo! (Good Luck!) di Róbert Lakatos, e l'Estonia con I Was Here [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Rene Vilbre).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L'altro gran premio del festival, l'Europa, destinato a un attore europeo, è stato assegnato a Bruno Ganz, soprannominato il più europeo degli attori tedeschi (ha lavorato con Theo Angelopoulos e Silvio Soldini, e attualmente è sugli schermi con La banda Baader Meinhof [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, candidato tedesco alle nomination per l'Oscar).

Il Premio Kinema dei giovani franco-tedeschi (patrocinato da Hanna Schygulla e attribuito da una giuria di giovani presieduta dal regista Felix Randau), per il quale erano in lizza sei opere prime e seconde, è andato al film francese Les Grandes personnes [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Anna Novion (distribuito in Germania da Alamode), con Jean-Pierre Daroussin e Judith Henry. Questo titolo ha avuto la meglio su La Vie d'artiste [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Marc Fitoussi, Eldorado [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del belga Bouli Lanners, e il titolo svizzero-lussemburghese 1000 Oceans di Luki Frieden.

Il Leo per la migliore musica per un cortometraggio è andato a Nicolas Martin per il film francese Skhizein di Jéremy Clapin.

Il Festival di Braunschweig ha accolto circa 23.000 spettatori alle proiezioni dei 165 lungometraggi e corti presentati.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy