email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PREMI Spagna

Camino trionfa ai Goya

di 

Camino trionfa ai Goya

La feroce critica al fondamentalismo religioso mossa da Javier Fesser nel suo film Camino [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(leggi la news), scatenando una tempesta mediatica, ha trionfato all'edizione 2009 dei Premi Goya, la cui cerimonia di consegna si è svolta ieri a Madrid.

Camino, che non era tra i favoriti a differenza di Los girasoles ciegos e Sólo quiero caminar [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, i due grandi perdenti, ha conquistato sei dei sette Goya per i quali era nominato, tra cui quello del miglior film, del miglior regista e della migliore sceneggiatura. Gli ultimi due sono andati a Fesser, mentre migliore attrice è Carmen Elías, miglior attore non protagonista Jordi Dauder e migliore rivelazione femminile la dodicenne Nerea Camacho. Si ripete dunque quello che è successo l'anno scorso con La soledad [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, che da quasi inosservato nella lista dei candidati, si è portato a casa i tre premi principali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Di registro ben diverso, El truco del manco (leggi la news), una dura favola in salsa hip-hop sul riscatto personale ambientato nella periferia abbandonata di una grande città, è stato l'altro grande vincitore della serata con tre premi: miglior regista esordiente per Santiago A. Zannou, migliore rivelazione maschile per il cantante El Langui, la cui canzone “A tientas” si è aggiudicata il Goya per la migliore canzone originale.

La voracità di Camino ha trasformato il resto dei candidati in perdenti: Sólo quiero caminar e Los girasoles ciegos hanno vinto un solo premio ciascuno, quello della migliore fotografia il primo e quello del miglior adattamento, in omaggio allo scomparso Rafael Azcona (leggi la news), il secondo. Dal canto suo, Los crímenes de Oxford [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Álex de la Iglesia
intervista: Gerardo Herrero e Mariela …
scheda film
]
si è distinto solo nelle categorie tecniche, con tre premi (migliore musica originale, montaggio e direzione di produzione).

La nota glamour è stata offerta da due attori quotatissimi a Hollywood, Penélope Cruz e lo statunitense di origine portoricana Benicio del Toro, che sono stati proclamati rispettivamente migliore attrice non protagonista per Vicky Cristina Barcelona [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e miglior attore protagonista per Che [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

Infine, il romeno 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Oleg Mutu
scheda film
]
di Cristian Mungiu è stato eletto miglior film europeo dell'anno.

Lista completa dei vincitori:

Miglior film: Camino - Películas Pendelton, S.A., Mediaproducción, S.L

Migliore regia: Javier Fesser per Camino

Miglior regista esordiente: Santiago A. Zannou per El truco del manco

Migliore sceneggiatura originale: Javier Fesser per Camino

Miglior adattamento: Rafael Azcona e José Luis Cuerda per Los girasoles ciegos

Migliore musica originale: Roque Baños per Los crímenes de Oxford

Migliore canzone originale: “A tientas” di El truco del manco

Migliore direzione di produzione: Rosa Romero per Los crímenes de Oxford

Migliore fotografia: Paco Femenía per Sólo quiero caminar

Miglior montaggio: Alejandro Lázaro per Los crímenes de Oxford

Miglior attore protagonista: Benicio del Toro per Che, l'argentino

Miglior attore non protagonista: Jordi Dauder per Camino

Migliore rivelazione maschile: Juan Manuel Montilla “Langui” per El truco del manco

Migliore attrice protagonista: Carme Elías per Camino

Migliore attrice non protagonista: Penélope Cruz per Vicky Cristina Barcelona

Migliore rivelazione femminile: Nerea Camacho per Camino

Migliore direzione artistica: Antxon Gómez per Che, l'argentino

Migliori costumi: Lala Huete per El Greco

Miglior trucco: José Quetglas, Nieves Sánchez e Mar Paradela per Mortadelo y Filemón: Misión salvar la tierra

Miglior suono: Daniel de Zayas, Jorge Marín e Maite Rivera per 3 días

Migliori effetti speciali: Raúl Romanillos, Pau Costa, José Quetglas, Eduardo Díaz, Álex Grau e Chema Remacha per Mortadelo y Filemón: Misión salvar la tierra

Miglior film d'animazione: El lince perdido

Miglior documentario: Bucarest, la memoria perdida

Miglior film europeo: 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni di Cristian Mungiu (Romania)

Miglior film latinoamericano: La buena vida di Andrés Wood (Cile)

Miglior cortometraggio di finzione: Miente di Isabel De Ocampo

Miglior cortometraggio d'animazione: La increíble historia del hombre sin sombra di José Esteban Alenda

Miglior cortometraggio documentario: Héroes. No hacen falta alas para volar di Ángel Loza

Goya alla carriera: Jesús Franco

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy