Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: This Must Be the Place

email print share on facebook share on twitter share on google+

Viaggiare per rinascere

di 

- Un incredibile Sean Penn nei panni di una vecchia rockstar depressa e in cerca d'identità. Una nuova prova dell'inventiva di Paolo Sorrentino. In concorso a Cannes nel 2011.

Recensione: This Must Be the Place

L’originalità e il talento che non sono mai mancati al regista italiano Paolo Sorrentino sono cresciuti distendendosi e prendendo un più ampio respiro nell'ottimo This Must Be the Place [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Paolo Sorrentino
scheda film
]
, presentato in concorso al Festival di Cannes 2011. Sostenuto da una performance stupefacente della star americana Sean Penn, questo film visivamente ben compiuto riesce a coniugare la sperimentazione tipica dello stile di Sorrentino con una profonda ricchezza tematica.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Intrecciando il ritratto di un'ex rockstar depressa in cerca di identità con un road movie che si dipana negli Stati Uniti sulle tracce di un criminale nazista, il regista va oltre la sua fascinazione abituale per le figure insolite e svela il suo punto di vista sull'umano sondando un territorio nuovo sia fisicamente (il continente americano) che emotivamente, senza perdere per strada il suo genio di regista e la distanza data dal suo umorismo eccentrico.

Trucco eccessivo, capelli alla Robert Smith dei Cure, camminata da vecchietto: Cheyenne (Sean Penn) è un uomo spezzato, dallo spirito bizzarro, che vive in Irlanda in un vasto maniero lussuoso e spoglio. Ritiratosi dalle scene vent'anni prima in seguito al suicidio di due suoi fan e senza alcuna intenzione di farvi ritorno, nonostante la sua notorietà, che lo infastidisce, sia rimasta intatta, la rockstar si trascina dal supermercato a casa, interessato soltanto, ma a malapena, all'andamento in Borsa delle sue fortune. Dipendente da sua moglie (Frances McDormand), energica e amorevole, questo uomo solitario sprigiona un'impressione patetica e strana, una gentilezza naif attraversata da improvvisi scatti senza senso.

Ma qualcosa succede nella sua vita: suo padre muore di vecchiaia. Dopo aver attraversato l'Atlantico in nave ed essere arrivato troppo tardi, Cheyenne scopre il mistero del passato di suo padre: è sopravvissuto ai campi di concentramento. Sconvolto dalla morte di questo genitore con cui non aveva alcun contatto da quando era adolescente e irriso da un cacciatore di nazisti che gli offre la visione di diapositive sull'Olocausto, la rockstar si lancia attraverso l'America (da New York a Huntsville nello Utah, passando per Bad Axe in Michigan e per Alamogoroo in Nuovo Messico) alla ricerca di un nazista che perseguitava suo padre. Un'indagine condotta con metodi barocchi che lo porterà a conoscere se stesso, ad accettare il passato e a uscire da un'infanzia prolungata.

Prendendo in contropiede sia i suoi ammiratori che i suoi detrattori, Paolo Sorrentino adotta per This Must Be the Place una regia più posata, agli antipodi delle giravolte dei suoi film precedenti. Questa fluidità che si espande nei grandi spazi americani è magnificamente fotografata da Luca Bigazzi, complice di un cineasta la cui perenne inventiva è divenuta un marchio di fabbrica talvolta traboccante, ma sempre stimolante. Spesso divertente, il film non commette alcun passo falso nel trattare il tema delicato dell'Olocausto, affrontandolo senza pathos da angolazioni classiche (estratti di lettere in voce fuori campo e le diapositive summenzionate) e da altre più iconoclaste (il cacciatore nazista alla ricerca di milioni di denti d'oro e un finale molto forte che è meglio tenere segreto). Riuscendo a rinnovarsi e a tracciare la sua strada negli Stati Uniti, con uno Sean Penn in stato di grazia per una produzione europea in lingua inglese, l'audace Paolo Sorrentino si offre una nuova libertà creativa e offre al pubblico un'opera che guadagna progressivamente in profondità pur restando fedele allo spirito eccentrico del rock ‘n’ roll.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: This Must Be the Place
titolo originale: This Must Be the Place
paese: Italia
rivenditore estero: Pathé International
anno: 2011
regia: Paolo Sorrentino
sceneggiatura: Umberto Contarello, Paolo Sorrentino
cast: Sean Penn, Eve Hewson, Frances McDormand, Judd Hirsch, Heinz Lieven, Kerry Condon, Olwen Fouere, Simon Delaney

premi/partecipazioni principali

Cannes 2011 In Concorso
Premio della giuria ecumenica
David di Donatello 2012 Migliore Sceneggiatura
Migliore Direttore Della Fotografia
Migliore Musicista
Migliore Truccatore
Migliore Acconciatore
Nastri d'argento 2012 Miglior regista
Migliore fotografia
Migliore scenografia
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01