Scegli la lingua en | es | fr | it

Recensione: Lines of Wellington

email print share on facebook share on twitter share on google+

Guerra e Pace sulle tracce di Raúl Ruiz

di 

- Destini incrociati nel Portogallo in guerra del 19mo secolo per Valeria Sarmiento, che ha presentato alla Mostra di Venezia 2012 il suo dramma storico

Recensione: Lines of Wellington

La versione cinematografica – ridotta a 150 minuti rispetto alla miniserie in 3 parti che dura 20 minuti in più – di Lines of Wellington [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Valeria Sarmiento
scheda film
]
è l’opera a cui stava lavorando Raúl Ruiz al momento della sua morte. Il produttore portoghese Paulo Branco e la regista Valeria Sarmiento, moglie del cineasta cileno, si sono impossessati del suo lavoro preparatorio per realizzare il film presentato in concorso alla 69a Mostra di Venezia. Lines of Wellington (As Linhas de Torres Vedras, titolo della versione televisiva) è prodotto con un 35% di budget portoghese e un 75% di finanziamenti francesi, nonostante il fatto che proprio questi ultimi non siano presentati sotto una luce favorevole, nelle loro uniformi da invasori rozzi, crudeli e violenti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Dal contesto violento, questo dramma epico ambientato nel Portogallo del 19mo secolo racconta del momento in cui le truppe di Napoleone, guidate dal Generale Massena (Melvil Poupaud, attore di Raúl Ruiz sin dall’infanzia), sono respinte dall’esercito portoghese alleatosi coi soldati inglesi del Generale Wellington (John Malkovich, che utilizza la sua presenza sullo schermo per apportare un tocco di leggerezza umoristica). La strategia di Wellington consiste nel battere in ritirata per condurre l’invasore contro una linea di alte fortificazioni erette ai confini di Lisbona. Questa vittoria si conquisterà, ma a caro prezzo, con numerose vittime tra tutti gli strati della popolazione; il film di Sarmiento racconta una serie di storie correlate, mettendo in scena un’antologia molto varia di personaggi stremati dalla forza degli eventi.

Scegliendo uno stile di regia appartenente alla vecchia scuola, Valeria Sarmiento rafforza la dimensione solenne di un’opera che è sia un omaggio –dimostrato dalla presenza di numerosi attori quali Catherine Deneuve, Isabelle Huppert, Mathieu Amalric, Michel Piccoli, Chiara Mastroianni, etc. – sia una testimonianza storica direttamente raccolta a livello umano. Non si pone pertanto l’accento sulle grandi figure in battaglia incarnate da John Malkovich e Melvil Poupaud. Il film non si sofferma – finale compreso- su scene di grandi battaglie esplosive. Piuttosto, la telecamera inquadra i piccoli protagonisti del conflitto o le vittime. La sceneggiatura di Carlos Saboga premia così il personaggio interpretato da Carloto Cotta (Tabu [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Miguel Gomes
intervista: Miguel Gomes
scheda film
]
), un soldato ferito in guerra che ritrova i suoi compagni d’armi. Tra questi, un agricoltore diventato combattente per il suo paese, il carismatico Nuno Lopes (Sangue Do Meu Sangue [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), è l’eroe del segmento più approfondito della pellicola.

Lines de Wellington si sviluppa tra le sue architetture narrative senza sacrificare la fluidità di un’opera che avrebbe potuto facilmente avviarsi a una durata fuori norma. Il merito di tutto questo va riconosciuto alla regista: Valeria Sarmiento ha realizzato un film che le appartiene, ispirato alle numerose conversazioni avute col marito prima della sua morte.

Il risultato è un’opera matura, ben composta e credibile da un punto di vista storico. Non si trattava di realizzare un film alla Raúl Ruiz, quanto piuttosto di identificare tra una lunga serie di registi che hanno omaggiato il maestro cileno il frutto del loro lavoro.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Lines of Wellington
titolo originale: As Linhas de Wellington
paese: Francia, Portogallo
rivenditore estero: Alfama Films
anno: 2012
regia: Raoul Ruiz, Valeria Sarmiento
sceneggiatura: Carlos Saboga
cast: Adriano Luz, Marisa Paredes, John Malkovich, Mathieu Amalric, Melvil Poupaud, Malik Zidi, Isabelle Huppert, Catherine Deneuve, Chiara Mastroianni, Michel Piccoli, Victória Guerra

premi/partecipazioni principali

Biennale di Venezia 2012 In concorso
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs report

Newsletter

WTW Men on the Edge
Unwanted_Square_Cineuropa_01