Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Tomasz Gąssowski • Compositore

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Vedere l'invisibile"

di 

- Collaboratore di Andrzej Jakimowski dal 1991 e coproduttore del suo primo lungometraggio, Tomasz Gassowski ha composto la musica di Tricks e ha partecipato alla stesura della sceneggiatura

Intervista: Tomasz  Gąssowski   • Compositore

Tomasz Gassowski ha debuttato come compositore di musiche per il cinema nel 1991 con Poglos di Andrzej Jakimowski. Da allora, collabora costantemente con il regista di Tricks [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Andrzej Jakimowski
intervista: Tomasz Gąssowski
scheda film
]
, di cui ha anche coprodotto il primo lungometraggio (Squint Your Eyes).

Cineuropa: lei lavora con Andrzej Jakimowski, il regista di Tricks, dall'inizio della sua carriera. Che cosa l'attira del suo cinema?
Tomasz Gassowski: sono vent'anni che lavoriamo insieme, abbiamo cominciato con i cortometraggi. E' stato il mio primo contatto con il cinema, un contatto molto fresco, giovanile, eccitante, pura magia. Ma ciò che ora mi avvicina maggiormente ai film di Andrzej Jakimowski, è quella sorta di fragilità e di sottigliezza che ha, la sua visione del mondo, la capacità di vedere cose che sembrano non esserci ma che esistono. Condividiamo la stessa passione per il cinema ceco e il vecchio cinema italiano. Quando facciamo un film, lavoriamo insieme fin dalla fase di invenzione della storia. Andrzej mi illustra le sue idee e noi tre (lui, sua moglie ed io), le esaminiamo, ne parliamo... Ci capita anche di discutere...

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tricks è una storia raccontata da un bambino. E' stato difficile lavorare in questa prospettiva?
No, perché sono stato, come sempre, molto presente nella fase di produzione del film. E' come il prato all'inglese: viene bene se lo si pota e lo si annaffia regolarmente e con cura.

Qual è il suo metodo di lavoro? Compone la musica a film finito o durante le riprese?
Dipende. Per Squint your eyes, ho scritto la musica a film finito. Per Tricks, ho cominciato a immaginare cose fin dalla scrittura della sceneggiatura e dopo la prima lettura. Sapevo fin dall'inizio che questo film aveva bisogno di una musica molto emozionante, che toccasse lo spettatore.

La storia è già di per sé impregnata di emozioni, da qui il rischio di cadere in una sorta di enfasi, di sentimentalismo eccessivo.
Infatti. Lo sapevamo fin dall'inizio. Per il compositore, è importante creare suoni toccanti, ma che non siano sdolcinati, troppo zuccherosi. E' facile comporre una musica triste; più difficile è riuscire a fare una musica malinconica ed emozionante che non sia al contempo smielata.

Qual è, secondo lei, il ruolo della musica in un film?
Dipende dal film. Scrivere musica per film di genere non mi interessa. Non amo le cose convenzionali; non voglio concentrare la mia energia e lavorare sei mesi a una musica per un film d'avventura, ad esempio. Mi piacciono i progetti d'autore, cercare note originali (ma che non disturbino), trovare l'atmosfera del film, i colori dei luoghi, le emozioni. La musica di Tricks trasmette quello che il giovane protagonista prova dentro di sé. All'inizio è tutto giocato sull'innocenza e l'inconsapevolezza, poi ci si orienta verso l'universo del padre seguito dal ragazzino. E' la musica a spezzare la storia e a dividerla in due.

photogallery

titolo internazionale: Tricks
titolo originale: Sztuczki
paese: Polonia
rivenditore estero: m-appeal
anno: 2007
regia: Andrzej Jakimowski
sceneggiatura: Andrzej Jakimowski
cast: Damian Ul, Ewelina Walendziak, Rafał Guźniczak, Tomasz Sapryk

premi/partecipazioni principali

Venezia 2007 Giornate degli autori - Venice Days
Miglior Film
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01