Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Geraldine Michelot • Produttrice

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Incredibilmente emozionante e intenso"

di 

- Una sceneggiatura ambiziosa, un soggetto difficile e un bambino piccolo al centro del film: il percorso di una produzione rischiosa e di una scommessa vinta per Les Films Pelléas

Intervista: Geraldine  Michelot  • Produttrice

Da Pierre Salvadori a Mia Hansen-Love, passando per Serge Bozon, i fratelli Larrieu, Catherine Corsini e Jean-Paul Civeyrac, Les Films Pelléas hanno sempre privilegiato un cinema d'autore di grande qualità. Una promessa mantenuta dalla società fondata da Philippe Martin con Versailles [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Geraldine Michelot
intervista: Pierre Schoeller
scheda film
]
, primo lungometraggio di Pierre Schoeller, di cui ci parla la sua produttrice Géraldine Michelot.

Cineuropa: perché ha deciso di produrre Versailles ?
Géraldine Michelot: Un altro produttore di Pelléas mi ha invitato a leggere la sceneggiatura: era molto forte, incredibilmente emozionante e intensa. Devo dire che ho addirittura pianto, cosa che capita molto di rado durante la lettura di una sceneggiatura. Vi era anche una grande ambizione drammatica, poiché il film abbraccia circa dieci anni della vita di un ragazzino. Non c'è mai stato questo mélange di romanzesco e di realismo. Allo stesso tempo, la storia ha un lato popolare. Poi, non conoscendo Pierre Schoeller, c'è voluto il tempo necessario per familiarizzare e ho anche guardato il telefilm che aveva diretto per Arte.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il montaggio finanziario è stato facile?
Il finanziamento è andato piuttosto bene, perché tutto quello che abbiamo ricevuto è stato dato con il desiderio reale di vedere il film fatto. C'è stato l'anticipo sugli incassi del Centre National de la Cinématographie (CNC), i fondi delle regioni Centre e Ile-de-France, di Canal +, Ciné Cinéma, la Sofica Banque Postale e Cinémage, senza dimenticare l'impegno preziosissimo di Les Films du Losange nella distribuzione in Francia e nelle vendite internazionali. In compenso, nonostante le buone speranze, non siamo stati appoggiati da nessun canale in chiaro: il film è restato dunque entro un budget ristretto (2,6 M€), per cui bisognava stare attenti a tutto e si lavorava rischiando. Bisogna anche citare l'università di cinema Emergence, un'esperienza molto positiva per Pierre che, laureatosi nel 2007, l’ha finita quattro mesi prima di cominciare le riprese.

Un'opera prima, un soggetto difficile, un bambino molto piccolo: le riprese presentavano molte incognite
Tutte le paure che potevamo avere all'inizio sono passate poco a poco. Ma sapevamo di rischiare. Un bambino di quell'età implicava una lavorazione molto lunga poiché non eravamo autorizzati a girare (compresi trucco e pause) più di tre ore al giorno. Bisognava poi ottenere l'autorizzazione della DASS, e che i genitori di questi bambini non ci piantassero nel bel mezzo delle riprese, senza dimenticare un coach speciale e un insegnante, poiché le riprese si svolgevano per lo più in periodo scolastico. Non c'era tuttavia alcuna garanzia che il rapporto tra Guillaume Depardieu e il bambino fosse idilliaco, ma Guillaume è stato al gioco, gli stava accanto, lo ha aiutato. E se si aggiunge che era un'opera prima con una sceneggiatura ambiziosa e piuttosto densa, sembrava tutto un po' un azzardo.

Dopo la sorpresa della selezione al festival di Cannes, quali sono le sue aspettative per l'uscita nelle sale?
Per questo tipo di film e nel mercato in cui siamo oggi, Cannes è una vera opportunità per distinguersi in termini di esposizione. Versailles ha un aspetto popolare e, visto che la sua accoglienza da parte del pubblico è stata davvero buona, penso che gli spettatori apprezzeranno. In ogni caso, il film s’inserisce nella linea editoriale di Pelléas che privilegia, al di là del tipo di film, un genere di registi come quelli dei due progetti in lavorazione quest'estate: Le père de mes enfants di Mia Hansen-Love e La famille Wolberg di Axelle Ropert.

photogallery

titolo originale: Versailles
paese: Francia
rivenditore estero: Les Films du Losange
anno: 2008
regia: Pierre Schoeller
sceneggiatura: Pierre Schoeller
cast: Guillaume Depardieu, Max Baissette de Malglaive, Judith Chemla, Aure Atika, Patrick Descamps, Matteo Giovannetti, Brigitte Sy

premi/partecipazioni principali

Cannes 2008 Un Certain Regard
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

EFA

Newsletter

Bridging_the_dragon_Home
ArteKino