Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Michael Haneke • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Quegli ideali assoluti che portano al terrorismo"

di 

- il regista austriaco svela alcuni segreti del suo metodo, mantenendo tuttavia un certo mistero sulle possibili interpretazioni della sua opera

Intervista: Michael Haneke • Regista -

Applaudito a lungo al suo arrivo in conferenza stampa dopo la presentazione in competizione al 62mo Festival di Cannes del suo splendido lungometraggio d'epoca Il nastro bianco [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Michael Haneke
scheda film
]
, il regista austriaco Michael Haneke ha svelato ai giornalisti alcuni segreti del suo metodo, mantenendo tuttavia un certo mistero sulle possibili interpretazioni della sua opera.

Perché ha scelto di centrare il suo film su questo villaggio tedesco alla vigilia della Prima guerra mondiale?
È un progetto al quale stavo lavorando da oltre dieci anni. Il mio obiettivo principale era di presentare un gruppo di bambini ai quali vengono inculcati degli ideali considerati assoluti, e il modo in cui li assimilano. Se si considera assoluto un principio o un ideale, che sia politico o religioso, questo perde umanità e porta al terrorismo. Avevo pensato, come titolo alternativo, a "La mano destra di Dio" perché i bambini del film applicano alla lettera questi ideali e puniscono quelli che non li condividono al 100 %. Il film non tratta solo di fascismo - un'interpretazione fin troppo semplice visto che il racconto è ambientato in Germania - ma di un modello e del problema universale dell'ideale deviato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Perché ha girato in bianco e nero?
Tutte le immagini che conosciamo della fine del XIX e dell'inizio del XX secolo sono in bianco e nero perché i media esistevano (fotografia, giornali), mentre del XVIII secolo, ad esempio, abbiamo una percezione a colori veicolata dai quadri e dai film che abbiamo visto. Adoro il bianco e nero e ho colto al volo questa occasione. Mi ha permesso anche, così come l'utilizzo di un narratore, di dare un effetto di distanziamento. Quello che conta è trovare una rappresentazione adeguata del proprio soggetto.

La violenza e il senso di colpa sono di nuovo al centro del suo lavoro?
Tratto questi soggetti in tutti i miei film. Nella nostra società, la questione della violenza è inevitabile. Quanto al senso di colpa, sono cresciuto in un universo giudeo-cristiano dove questo tema è onnipresente. Non è necessario essere cattivi per diventare colpevoli: fa parte del nostro quotidiano.

Il nastro bianco conta un gran numero di personaggi. Come ha scelto e diretto tutti questi attori?
Per il cast, ho scelto volti che somigliassero alle foto dell'epoca. In sei mesi, abbiamo visto oltre 7000 bambini. E il compito era importante perché ovviamente non era l'aspetto fisico che doveva prevalere, bensì il talento. Per gli adulti, ho scelto attori con cui avevo già lavorato e altri di cui conoscevo il lavoro. Quanto alla direzione degli attori, mi limito a segnalare loro se c'è qualcosa che non mi suona bene. Se il cast è buono, il personaggio funziona.

La trama pone più domande che risposte.
Non c'è niente da spiegare. Il mio principio è sempre stato quello di porre domande, di presentare situazioni ben precise e di raccontare una storia affinché lo spettatore possa cercare da sé le risposte. Secondo me, l'inverso è controproducente, gli spettatori non sono mica colleghi del regista. Mi impegno molto per raggiungere questo risultato. Credo che l'arte debba porre domande e non proporre risposte, le quali sono sempre sospette, a volte persino pericolose.

photogallery

titolo internazionale: The White Ribbon
titolo originale: Das Weiße Band
paese: Germania, Austria, Francia, Italia
rivenditore estero: Les Films du Losange
anno: 2009
regia: Michael Haneke
sceneggiatura: Michael Haneke
cast: Christian Friedel, Burghart Klaußner, Ulrich Tukur, Susanne Lothar, Josef Bierbichler

premi/partecipazioni principali

European Film Awards 2009 Miglior Film Europeo
Miglior Regista Europeo - Michael Haneke
Migliore Sceneggiatore Europeo - Michael Haneke
Cannes 2009 Concorso ufficiale
Palma d'Oro
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01