Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Ken Loach • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Il criterio non è far ridere o piangere"

di 

- Whisky, commedia realista e classe operaia: il cineasta inglese spiega il suo approccio per La parte degli angeli.

Intervista: Ken Loach • Regista

Premio della Giuria del 65mo Festival di Cannes con la commedia sociale La parte degli angeli (recensione), il cineasta inglese Ken Loach ha incontrato la stampa internazionale dopo la proiezione del film. Alcuni estratti.

Il whisky ha in La parte degli angeli [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ken Loach
scheda film
]
lo stesso ruolo che aveva l'uccello nel suo film Kes (1970)? E' una metafora?

Ken Loach: Grazie al whisky, scopriamo il gran talento del personaggio impersonato da Paul Brannigan, così come vedevamo Billy Casper lavorare con gli uccelli in Kes. Ma il personaggio di Kes aveva un lavoro: erano gli anni '60. In La parte degli angeli, Robbie non ha un lavoro: è il 2012 e vediamo le differenze… Ma di fatto, è un modo per osservare l'energia del personaggio e la sua determinazione a fare qualcosa nella vita. Quanto alla questione della metafora, penso sia sempre pericoloso parlarne perché si fa presto a sembrare pretenziosi. Diciamo che il whisky ha diverse funzioni nel film: è un'arte, c'è gente molto fiera di produrlo ed è un piacere gustarne il risultato. Ha anche a che fare con la visione turistica della Scozia. Ma la realtà sono i personaggi di Robbie, Rhino e gli altri. Ci siamo molto divertiti con questi contrasti, queste due immagini completamente opposte della Scozia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Perché una commedia?
Con Paul Laverty, volevamo prendere una situazione tragica e presentarla in modo che gli spettatori ridessero o sorridessero. Ad essere sinceri, le commedie sono difficili da girare, ma il nostro approccio consisteva nel non dirigere questo film come se si trattasse di una commedia cercando di far ridere per forza o mettendo la musica che scatena l'ilarità. Il nostro metodo era di presentare i personaggi e la storia in tutta la loro verità. Poi, come nel mondo reale, ci sono momenti di crisi profonda e altri un po' divertenti che ci fanno sorridere o ridere. Non siamo in una sorta di mondo senza emozioni e lineare. C'è sempre un po' di tragedia e un po' di commedia in ogni momento. Si potrebbero pure prendere i personaggi del film e raccontare una storia tragica. Da regista, cerco di raccontare la storia del momento e il criterio non è stabilire se si farà ridere o piangere, ma se è reale.

Ha cambiato punto di vista e modo di filmare la classe operaia?
Il nostro atteggiamento non è cambiato. E' una classe sociale l'agente dei cambiamenti della società. Quello che abbiamo constatato, mentre la crisi economica si fa sempre più dura, è che la stampa presenta le difficoltà in maniera sempre più drammatica, criticando la gente che chiede aiuti sociali. Noi vogliamo affrontare le cose da un'altra angolazione e sottolineare l'importanza di questa classe sociale. Non si potrà sfuggire a un dibattito politico. Se il sistema distrugge ogni strada, e se chiedere un lavoro, una casa, un luogo dove vivere quando si sarà vecchi, la sicurezza per la propria famiglia e le cure mediche è chiedere troppo, questo non è altro che il risultato della crisi attuale. E' importante rendersi conto che quello che consideriamo oggi come impossibile era considerato qualche decennio fa come la base stessa della vita sociale. E se pensiamo sia impossibile oggi, non è a causa della natura della vita, ma perché ci hanno portato a crederlo.

La commissione della censura inglese le ha chiesto di eliminare alcune parolacce del film?
Abbiamo avuto diritto alla parola "culo" solo sette volte, mantenendola solo laddove non era aggressiva. E' surreale. Sul piano linguistico, la classe media britannica è ossessionata dalle parole volgari. Certo, sono parole che vanno gestite, ma bisognerebbe ridefinire il concetto di volgarità.

Il suo film è coprodotto dalla società dei fratelli Dardenne. Che cosa la avvicina al loro cinema?
Condividiamo il fatto di apprezzare la vita quotidiana, la commedia della vita quotidiana, l'importanza della vita della gente ordinaria. I film dei fratelli Dardenne sono precisi, sottili e solidi e siamo molto felici di lavorare insieme.

photogallery

titolo internazionale: The Angels' Share
titolo originale: The Angels' Share
paese: Regno Unito, Francia
rivenditore estero: Wild Bunch
anno: 2012
regia: Ken Loach
sceneggiatura: Paul Laverty
cast: Paul Brannigan, John Henshaw, Jasmin Riggins, William Ruane, Gary Maitland, Siobhan Reilly

premi/partecipazioni principali

Festival de Cannes 2012 In concorso
Premio della giuria
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01