Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Paul Negoescu • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

“Un film fatto da giovani, sui giovani e per un pubblico di giovani”

di 

- Con il suo primo lungometraggio A Month in Thailand, presentato a Venezia, il giovane cineasta rumeno si smarca nettamente dalle produzioni abituali del suo paese.

Intervista: Paul Negoescu • Regista

Paul Negoescu è nato nel 1984 e si è diplomato all'Accademia di Arti Teatrali e Cinematografiche di Caragiale a Bucarest. I suoi corti Horizon, Derby e Renovation sono stati proposti in concorso a Cannes e Berlino, e gli ultimi due sono stati anche nominati agli European Film Award 2009 e 2011. Il suo lungometraggio di debutto, A Month in Thailand [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Paul Negoescu
scheda film
]
, è stato inserito nella SIC alla Mostra di Venezia di quest'anno. Negoescu è anche produttore e direttore artistico del Timishort Film Festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Quanto è difficile girare un'opera prima in Romania?
Paul Negoescu: Beh non è stato semplice. Trovare i finanziamenti è stato molto difficile e abbiamo messo insieme tutto poco prima dell'inizio delle riprese. Per molto tempo non ho avuto idea delle dimensioni del budget a disposizione, e sono fortunato, perché sono comunque riuscito a girare il mio primo film a 27 anni. Il budget è stato completato con i fondi di persone che avevano apprezzato i miei corti: se non li avessi fatti, non avrei mai girato il film. E se è stato difficile finanziare A Month in Thailand, per altri miei colleghi, meno fortunati di me, sarebbe stato anche più difficile. Le regole del National Film Center non incoraggiano i giovani registi.

A Month in Thailand è diverso da altri recenti film rumeni. In che modo ritiene che possa far parte del panorama cinematografico locale?
Credo che la novità sia l'argomento: si parla di giovani. In Romania abbiamo avuto dei film su dei giovani, ma non sono stati ricevuti bene da pubblico e critica. La differenza ora è che io faccio parte di questa generazione e sono più legato alla realtà di quei registi, e non solo io - tutto il team del progetto è molto giovane. È un film fatto da giovani, sui giovani e per un pubblico di giovani. E poi ci sono spettatori che rifiutano le nuove produzioni rumene perché le considerano troppo cupe o ancorate al passato. Possono rilassarsi: A Month in Thailand è molto diverso.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di fare film in Romania?
I vantaggi riguardano i soldi. Fare un film qui è ancora economico, ma ci sono paesi in cui lo è ancora di più. Ma in Romania trovi professionisti esperti, e non ci sono associazioni professionali. In termini produttivi, conviene girare in Romania. D'altra parte però la normativa non incoraggia i produttori a realizzare qui i loro progetti, come in paesi che danno fondi o trovano modi per attrarre i produttori stranieri. Ottenere cose semplici come un'autorizzazione a girare nelle strade è difficile e costoso, e per una produzione rumena il fatto che venga girato qui rende complessa la distribuzione all'estero. E non parliamo poi della mancanza di infrastrutture per la distribuzione di film in Romania...

Se avesse 10 milioni di euro, che film farebbe?
Non riesco nemmeno a immaginare questa situazione: qualcuno che mi offre 10 milioni di euro per girare ciò che voglio. Forse non lo girerei neanche in Romania. Ci sono poche possibilità di successo internazionale per un film rumeno con dialoghi rumeni senza la spinta di un festival importante. L'idea di fare un film commerciale qui sembra assurdo, dato lo scarso numero di cinema per la distribuzione domestica...

Ha un nuovo progetto? Sta scrivendo una nuova sceneggiatura?
Ho appena finito di girare un nuovo corto a Sarajevo, la seconda parte di una trilogia sull'acqua, iniziata con Horizon. Spero di girare la parte finale l'anno prossimo in Germania. Per il mio prossimo film non ho ancora deciso nulla, sto ancora cercando storie. Sono curioso di vedere come andrà A Month in Thailand in Romania. Se non sarà un successo, allora non ci sono possibilità di avere un successo di pubblico qui, e il mio prossimo progetto sarà più radicale.

photogallery

titolo internazionale: A Month in Thailand
titolo originale: O lună în Thailanda
paese: Romania
rivenditore estero: MPM Film (Movies Partners in Motion Film)
anno: 2012
regia: Paul Negoescu
sceneggiatura: Vlad Trandafir, Paul Negoescu
cast: Andrei Mateiu, Ioana Anastasia Anton, Sinziana Nicola, Tudor Aaron Istodor, Raluca Aprodu

premi/partecipazioni principali

Biennale di Venezia 2012 SIC - Settimana Internazionale della Critica
Zurich Film Festival 2012 
Festival du Film Francophone de Namur 2012 
Thessaloniki International Film Festival 2012 
Seville European Film Festival 2012 
Film Festival Cottbus 2012 
Premiers Plans Festival d'Angers 2013 
Sofia International Film Festival 2013 
Off Plus Camera (Poland) 2013 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

ArteKino

Newsletter

Unwanted_Square_Cineuropa_01