Scegli la lingua en | es | fr | it

Q&A: Dietrich Brüggemann • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

“Quello che accade in una famiglia quando domina l'ideologia”

di 

- Per la prima volta in concorso a Berlino, il cineasta tedesco parla di Kreuzweg - Le stazioni della fede. Orso d'argento per la miglior sceneggiatura

Q&A: Dietrich Brüggemann  • Regista
(©Andreas Teich/Berlinale)

Affiancato dagli attori Lea van Acken, Franziska Weisz e Florian Stetter, e dal produttore Jochen Laube, il regista tedesco Dietrich Brüggemann (che ha scritto la sceneggiatura del film con sua sorella Anna, anche lei in conferenza stampa) ha parlato di Kreuzweg - Le stazioni della fede [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Dietrich Brüggemann
scheda film
]
, presentato in concorso alla 64ma Berlinale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Perché ha scelto questo tema religioso?
Dietrich Brüggemann: Avevo questa idea in testa già da un po' e sentivo che c'era materia per un film. Alla fine degli anni '90 poteva sembrare che le religioni fossero finite, ma non è stato così. Quando vai negli Stati Uniti, senti alla radio una quantità di sermoni cristiani, preti che predicano. Cattolici, protestanti o altro, affrontano la teologia con dettagli differenti, ma hanno in comune il modo in cui vivono la religione. Il tema del film è quello che accade in una famiglia quando domina l'ideologia, e tratta anche del ruolo dei preti nella società. Ma non è in alcun modo una setta, seguono semplicemente i precetti della loro religione e rigettano alcuni elementi della modernità. E' una famiglia simpatica e piuttosto normale, sono solo particolarmente ferventi in materia di religione. Siamo al confine della normalità della Chiesa. Non si tratta assolutamente di un attacco o della volontà di offuscare qualcosa. Trovo peraltro che i valori cristiani siano molto importanti socialmente e spiritualmente. Tuttavia il sistema iper razionale della fede cattolica può anche diventare un'ideologia.  

E il tema del sacrificio del suo personaggio femminile?
Di fatto, lei fa esattamente quello che la religione le chiede ed è persino più radicale di quanto il prete non esiga. E' a questo che spinge il sistema: diventare una santa. Lei segue le tracce di Cristo e la questione finale che viene posta allo spettatore è di vedere a cosa questo porti, se il sacrificio sia vano oppure no.

Con la sua messa in scena fatta di sequenze molto lunghe e inquadrature fisse, come è riuscito a lavorare con gli attori, in particolare i più giovani?
Non è la prima volta che utilizzo sequenze lunghe e ho già realizzato qualche anno fa un film dell'orrore intitolato Nine Takes. Ma bisogna avere una buona sceneggiatura e che le scene funzionino così come sono scritte. Perché non puoi costruire il film nella sala di montaggio. Poi bisogna avere buoni interpreti. Ed è così anche per i più giovani. Quando abbiamo provinato i bambini, alcuni si nascondevano sotto il tavolo, altri correvano via, altri ancora chiedevano della loro mamma, ma ce n'era uno che rimaneva seduto lì e osservava. E lì che scatta qualcosa. Questo vale per tutto il cast. Tutto è stato messo su alla perfezione. Ad esempio, per il ruolo interpretato da Lea van Acken, mi aspettavo di dover percorrere tutto il paese e visitare tutte le scuole di teatro per mesi. Invece è venuta fuori il primo giorno di casting. Mi sono detto: "Non è possibile, dovrebbe essere lungo e difficile". Per tornare alla domanda, sopraggiunge poi quella che chiamo la magia del film a inquadratura unica. La concentrazione è massima da una parte e l'altra della cinepresa. E' una sorta di chiesa ed è straordinario vedere come pochissimi attori abbiano dimenticato le loro battute. Ha funzionato tutto a meraviglia. 

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Stations of the Cross
titolo originale: Kreuzweg
paese: Germania
rivenditore estero: Beta Cinema
anno: 2014
regia: Dietrich Brüggemann
sceneggiatura: Dietrich Brüggemann, Anna Brüggemann
cast: Florian Stetter, Franziska Weisz, Lea van Acken, Lucie Aron, Moritz Knapp, Michael Kamp, Birge Schade

premi/partecipazioni principali

Berlin International Film Festival 2014 In concorso
Orso d'argento della miglior sceneggiatura
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs report

Newsletter

WTW Men on the Edge
Unwanted_Square_Cineuropa_01