Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Jan Gassmann • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Siamo arrivati ​​nelle varie città con un vero spirito di viaggiatori"

di 

- BERLINO 2016: Cineuropa ha incontrato il giovane regista svizzero Jan Gassmann per parlare del suo ultimo film Europe, She Loves, che apre la sezione Panorama Dokumente della Berlinale

Intervista: Jan Gassmann  • Regista

Dopo Chrigu [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Off Beat [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
Jan Gassmann torna alla Berlinale con il suo ultimo documentario Europe, She Loves [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jan Gassmann
scheda film
]
, che ritrae la vita quotidiana di quattro coppie che vivono ai confini dell'Europa. Europe, She Loves è un road trip che ci porta da Siviglia a Tallinn, da Salonicco a Dublino, per portarci infine in una realtà comune fatta di precariato, certamente, ma anche e soprattutto d'amore e di quotidianità.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come ha scelto le sue coppie, e perché ha privilegiato queste quattro città (Tallinn, Dublino, Siviglia e Salonicco)?
Jan Gassmann:
Per me era importante andare ai confini d'Europa. Da questo punto di vista, Salonicco ma anche Dublino e Tallinn erano città molto interessanti. Inoltre, a livello cinematografico era importante per me trovare delle immagini per ciascuna città. Ci sono città come Parigi o Barcellona che sono talmente intrise di storia del cinema... per me era importante trovare nuove voci, nuove immagini. Poi mi sono occupato del casting che ho vissuto un po' come un'avventura. Siamo arrivati ​​in ogni città con tre o quattro contatti forniti da persone che conoscevo. Abbiamo cercato di incontrare persone via Facebook, abbiamo anche messo dei piccoli annunci sui giornali, ma era difficile spiegare il progetto in modo astratto, tramite una sinossi. Una volta arrivati ​​è stato molto più facile, abbiamo iniziato a parlare direttamente con la gente. E il numero di persone è gradualmente aumentato. In ogni città abbiamo incontrato una ventina di coppie, erano davvero tante. Ma a un certo punto c'è stata una magia. Man mano che il progetto si sviluppava ho capito che non mi interessava avere protagonisti che vivevano grosse crisi. Purtroppo non avevo abbastanza spazio nel film per sviluppare questo tipo di storie.

Come è riuscito a stabilire un tale livello d'intimità con le coppie che ha scelto di filmare?
Penso che ci siano molte cose che ci hanno legato. Le coppie che abbiamo scelto sono più o meno della stessa nostra generazione. Ciò ha creato una vera connessione tra di noi, molto diretta. Sono sempre stato molto chiaro con loro in merito a ciò che volevo, vale a dire entrare nella sfera intima. Per me era importante che non avessero alcun problema con la nudità, la sessualità. Questo ci ha aiutato a stabilire un vero rapporto di fiducia. Sapevano che volevo qualcosa di molto sincero. Allo stesso tempo noi, membri della troupe, abbiamo fatto un vero e proprio tour dell'Europa in bus, un road trip molto lungo. Siamo arrivati ​​nelle varie città con un vero spirito di viaggiatori, una vera apertura mentale, un desiderio di prendere le cose come sono.

A proposito di sessualità. Si è posto dei limiti in questo senso?
Per me la sessualità fa parte della vita, dell'amore, del rapporto di coppia ed era chiaro fin dall'inizio che volessi usarla come mezzo di comunicazione. Filmare l'amore, il sesso, spesso sembra riservato ai film di finzione. È così spesso associato con la finzione che abbiamo quasi dimenticato che fa parte della vita quotidiana. Volevo andare in un'altra direzione: il sesso è vita, fa parte del quotidiano. Abbiamo parlato a lungo del modo di girare. Poi, nel montaggio, ci siamo resi conto che nel film c'erano, in effetti, molte scene di sesso, è stato interessante. Ogni cosa può trovare il suo posto nel montaggio. Una volta che abbiamo terminato queste scene è stato più facile parlare della loro relazione, si è creata una vera connessione tra di noi, ha aperto delle porte.

Quali sono le sue aspettative in merito alla sua partecipazione alla Berlinale, specie in qualità di regista svizzero?
È la mia terza volta alla Berlinale e mi piace molto questo festival. Sono stato felicissimo di ricevere l'invito! Sono molto contento in quanto svizzero di presentare un film sull'Europa. Noi svizzeri siamo europei come gli altri. È stato quindi importante per me esprimere il mio punto di vista sul tema e forse anche per fare uscire la Svizzera dalla sua immagine stereotipata, dimostrando che non siamo un popolo intrappolato tra le montagne, siamo molto più di questo.

(Tradotto dal francese)

photogallery

titolo internazionale: Europe, She Loves
titolo originale: Europe, She Loves
paese: Svizzera, Germania
rivenditore estero: Autlook Filmsales GmbH
anno: 2016
regia: Jan Gassmann
sceneggiatura: Jan Gassmann

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2016
Panorama Dokumente
Crossing Europe 2016 
Zurich Film Festival 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Producers on the Move
Filmitalia Cannes 2017