Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Renars Vimba • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Stavo cercando una storia che fosse dura e vitale allo stesso modo"

di 

- BERLINO 2016: Il giovane regista lettone Renars Vimba ha firmato Mellow Mud, Orso di Cristallo per il Miglior film nella nella sezione Generation 14plus della Berlinale

Intervista: Renars Vimba  • Regista

Dopo aver studiato regia e fotografia a Riga e Tallin, il giovane regista lettone Renars Vimba si è lanciato in cortometraggi come A TouchI Like What’s Gonna Be Tomorrow e The Breakwater. Nella sua opera prima, Mellow Mud [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Elina Vaska
intervista: Renars Vimba
scheda film
]
, Vimba descrive la lotta di una ragazza che deve crescere senza genitori, rinchiusa in una baracca sperduta nella campagna lettone con il fratello e la nonna. Il film ci mostra come ci si riesca ad adattare alla durezza di una vita difficile per riuscire a trarne il meglio. È stato presentato nella sezione Panorama del 66mo Festival di Berlino. Abbiamo incontrato il regista per parlare di quello che si nasconde dietro al progetto e del significato della selezione a un festival tedesco per l’industria del film lettone.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Si è lanciato nell’universo del lungometraggio con un film su una ragazza in cammino verso la vita adulta. È una scelta deliberata?
Renars Vimba: No, direi più una coincidenza.

Come si è sviluppato il film?
Ho iniziato a lavorare su questo film durante i miei studi all’Accademia della Cultura lettone. Dovevamo ideare un cortometraggio per il progetto di fine studi. Avevo già realizzato dei cortometraggi e sapevo che non era un formato adatto a questo progetto, alla storia che avevo in mente. Andava contro il regolamento, ma ho comunque insistito per farne un lungometraggio.

La storia è piuttosto cupa, ma raccontata in modo intimo, quasi tranquillo. Perché ha scelto un simile approccio?
Penso che la vita sia dura e bella allo stesso tempo. Volevo una storia tanto pesante quanto positiva.

C’è un contrasto reale tra il paesaggio rurale lettone e Londra. Cercava di mostrare una frattura tra l’Est e l’Ovest dell’Europa?
Questo contrasto si crea naturalmente nella misura in cui la trama del paesaggio selvaggio e rurale differisce completamente da quella dei paesaggi urbani. Funziona per tutti i paesi, sia a Est sia a Ovest. Se vogliamo parlare di frattura, preferisco che si parli della giustapposizione tra l’intimità della campagna e il sentimento di alienazione che si prova in città.

Essendo un giovane regista, è stato difficile sviluppare un progetto di questo tipo in Lettonia?
Non è stato facile trovare i finanziamenti iniziali. La realtà dell’industria del cinema detta le regole, che mettono i registi debuttanti in competizione con i professionisti per ottenere gli stessi finanziamenti. Ma dopo averli ottenuti, è andato tutto bene.

Non è sbagliato dire che sono pochi i film originari dalla Lettonia. Pensa che la situazione cambierà presto per una nuova generazione di registi?
Direi che abbiamo già fatto molti progressi nel settore, soprattutto se consideriamo i numerosi successi dei registi di documentari e cartoni lettoni. Forse gli ultimi decenni non sono stati molto prosperi per i nostri lungometraggi, ma tutto questo può cambiare, anche perché si stanno facendo strada numerosi talenti.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Mellow Mud
titolo originale: Es esmu šeit
paese: Lettonia
anno: 2016
regia: Renars Vimba
sceneggiatura: Renars Vimba
cast: Elina Vaska, Edgars Samitis, Andzejs Lilientals, Zane Jancevska

premi/partecipazioni principali

Berlinale 2016
Generation 14+ - Miglior Film Generation 14Plus
La Rochelle International Film Festival 2016 
CinEast film festival 2016 
Arras Film Festival 206 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

CASI HECHO Home
Doc Spring