Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Vlado Škafar • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Non si tratta di fare; si tratta di essere"

di 

- Il regista sloveno Vlado Škafar ha parlato a Cineuropa del suo nuovo film, Mother, della sua visione dell'arte cinematografica e del suo processo creativo poco ortodosso

Intervista: Vlado Škafar  • Regista
(© Mavricij Pivk/Delo)

Il regista sloveno Vlado Škafar ha parlato a Cineuropa del suo nuovo film, Mother [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Vlado Škafar
scheda film
]
, della sua visione dell'arte cinematografica e del suo processo creativo poco ortodosso.

Cineuropa: Mother dà l'impressione di essere, almeno in parte, un film improvvisato. Non vi è alcuna sceneggiatura di per sé, ma lei si ispira agli scritti di poeti, artisti e dei suoi collaboratori. Qual è stato il punto di partenza?
Vlado Škafar: È vero che non uso una sceneggiatura durante le riprese, e che non do istruzioni precise al cast, ma il mio metodo non può essere più lontano dall'improvvisazione. Non sopporto l'improvvisazione, in realtà. Non si tratta di fare; si tratta di essere. Il mio lavoro è quello di conoscere le persone con cui lavoro intimamente, profondamente; di solito trascorro un anno o due imparando a conoscerli, e cerco di metterli sulla strada giusta per diventare esseri poetici, sfruttando tutto il loro potenziale. Iniziano così a creare i loro diversi sé dall'interno e ad attivarli. In questo modo possono continuare ad essere misteriosi per me, e se sono interessato a loro, lo sarà anche il pubblico.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Durante le riprese, cerco di creare una determinata atmosfera e di far emergere una certa parte di alcuni membri del cast che può funzionare in una tale scena. È qualcosa che nasce, senza provarci, senza farlo intenzionalmente, un puro parto - un miracolo. Il punto di partenza è stato esattamente quello che si vede nella prima scena del film: madre e figlia che viaggiano, ciascuna nel proprio mondo. Sedute l'una accanto all'altra in uno spazio quasi astratto, ma con una distanza infinita fra loro. È raro che una scena che si crea corrisponda a ciò che si era immaginato così fedelmente.

Il suo film precedente Dad [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Vlado Škafar
intervista: Vlado Škafar
scheda film
]
parlava di un padre e un figlio. Perché è interessato a questi rapporti primari nei suoi film?
Quello che mi interessa maggiormente è ciò che viviamo ogni giorno. Gli eventi straordinari non mi incuriosiscono più di tanto. Vanno e vengono, mentre il quotidiano ti resta accanto. La maggior parte della gente lo dà per scontato, perciò non riesce a vedere lo straordinario e il suo aspetto infinito. In realtà, ogni singola cosa a cui si dedica del tempo e per cui si nutre un interesse diventa straordinaria. Rodin esortò Rainer Maria Rilke ad andare al Jardin des Plantes di Parigi, a scegliere uno degli animali dello zoo e a studiarlo in tutti i suoi movimenti e stati d'animo finché non l'avesse conosciuto quanto più a fondo possibile, e a scriverne poi a riguardo. Il risultato fu La Pantera, uno dei primi capolavori di Rilke. Questo è il modo in cui cerco di approcciarmi alle persone e a tutto il resto nei miei film, e sono fortunato che [il mio fidato direttore della fotografia] Marko Brdar la pensi allo stesso modo. Se genitori e figli (o amanti, amici, ecc) facessero lo stesso, il risultato dei loro rapporti migliorerebbe. 

In Mother affronta anche il tema della dipendenza.
Le dipendenze stanno diventando una parte sempre più grande della vita umana. Non si tratta neanche più di droghe o alcol, sono ovunque: i disturbi alimentari, il sesso, il gioco d'azzardo, le feste e, soprattutto, le realtà virtuali (internet, TV, giochi, turismo, ecc). Ma qui, il tema non è tanto la dipendenza; è più l'alienazione che provoca. L'alienazione è in tutta la società umana come un cancro, e sta andando sempre più in profondità. Vivendo queste vite parallele, stiamo dando via la nostra vita. Sembra che ci voglia quasi un miracolo per riprendersi la propria vita. 

Ha detto che questo è stato il suo ultimo film, e che voleva dedicarsi completamente alla scrittura.
Al momento non vedo molto senso nel cinema. Il cinema d'autore è lontano da quel consiglio dato da Rodin. Per il momento lo seguirò applicandolo alla letteratura.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Mother
titolo originale: Mama
paese: Slovenia, Italia
anno: 2016
regia: Vlado Škafar
sceneggiatura: Vlado Škafar
cast: Nataša Tič Ralijan, Vida Rucli, Gabriella Ferrari, Pierluigi Di Piazza

premi/partecipazioni principali

International Film Festival Rotterdam 2016 
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Home Sweet Home
Les Arcs