Scegli la lingua en | es | fr | it

Intervista: Tolga Karaçelik • Regista

email print share on facebook share on twitter share on google+

"Chi rimane al comando quando non ne abbiamo più bisogno?"

di 

- Cineuropa ha incontrato il regista turco Tolga Karaçelik per parlare del suo film Ivy, vincitore del Premio Cineuropa al Festival del Cinema Europeo di Lecce

Intervista: Tolga Karaçelik • Regista

Tolga Karaçelik fa parte di una nuova generazione di registi turchi, famoso per il suo stile inconfondibile. Dopo una serie di cortometraggi e video musicali, il regista ha attirato l'attenzione del grande pubblico con la sua opera prima, Tool Booth, che gli è valsa il prestigioso Golden Orange Award per la Miglior Opera Prima all'Antalya Film Festival; inoltre, il film si è aggiudicato anche i premi per la Miglior Fotografia e il Miglior Attore. Cineuropa ha intervistato il regista per parlare del suo ultimo film, Ivy [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tolga Karaçelik
scheda film
]
, vincitore del Premio Cineuropa al Festival del Cinema Europeo di Lecce

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Cineuropa: Cosa l'ha spinta a realizzare questo film?
Tolga Karaçelik: Ad essere sincero, l'ispirazione per Ivy mi è venuta quando mi sono trovato faccia a faccia con le autorità turche. La vera domanda del film quindi diventa: "chi rimane al comando quando non ne abbiamo più bisogno, e come cercano di mantenere lo status quo?". Ho cercato di guardare al disegno più grande e alle lotte di potere tra questi sei personaggi da quel punto di vista.

Quali sono state le difficoltà incontrate durante le riprese del film?
Durante le riprese di un film ambientato in una sola location, ci sono sempre delle difficoltà legate al fatto di voler continuare a raccontare visivamente una storia senza diventare noiosi, ma allo stesso tempo mantenendo quel senso di claustrofobia. Tuttavia, ci sono anche dei vantaggi derivanti dal girare l'intero film in una sola location: puoi sempre ritornare alla scena che hai girato. È qualcosa che hai sempre in mente – non perdi nessuna location durante le riprese. Quindi ha i suoi pro e contro. Inoltre, è difficile girare su una nave, con le varie attrezzature e tutto ciò che è a bordo.

Come ha pensato di ricreare la sensazione di cinque mesi che passano solo in due ore?
Per me la questione più importante quando si realizza un film è il ritmo. Il ritmo dei personaggi inizia con i dialoghi, così come il ritmo del film. Dopo aver deciso sia il ritmo del personaggio che il ritmo del film, si arriva a parlare del tempo. Ritengo che il concetto di tempo, attraverso la sua unità e unicità, sia un qualcosa che puoi rendere fedelmente o meno. Ho cercato di applicare questo concetto di tempo e considerarlo come una singola unità: volevo che il tempo fosse una sorta di coperta opprimente sui personaggi.

C'è una ragione specifica dietro ai sei personaggi che ha scelto?
Beh, prima di tutto questa scelta ha a che fare con la legge. Secondo la legge marittima, sei persone devono stare così in una barca: uno alla sala macchine, uno alla cucina, due marinai, un marinaio scelto e un capitano. Ma tutti questi personaggi hanno un significato specifico nella questione della lotta per il potere. 

Come giuria, ci ha impressionato l'utilizzo del suono e della musica; come ha fatto ad ottenere un effetto così forte?
In un film come questo, che è ambientato in una sola location e usa l'assenza del suono come una minaccia, abbiamo dovuto pensare molto a questo aspetto.  Ho pensato che la musica fosse l'opzione ideale per ottenere ciò che volevamo. Non c'era molta musica in realtà, solo una canzone rock turca degli anni '70 e quello che abbiamo fatto con il sintetizzatore. Volevo che la musica fosse parte del sistema sonoro, così abbiamo progettato insieme musica e suoni. Questa era il nostro obiettivo, e l'abbiamo considerato come un'unica traccia sonora, cosa che penso stiano facendo sempre più persone nell'industria cinematografica.

Come mai ha optato per un finale così aperto?
La mia idea principale era di vedere come reagiscono le persone a questa lotta per il potere e quando si sarebbero fermate. Qualsiasi cosa al di fuori di questo sarebbe stata un altro film. Ritengo inoltre che l'ultima domanda di Cenk a Ismail serva per far scegliere al pubblico se quello che sta succedendo possa definirsi romantico in un certo senso. Mi è piaciuto questo romantico finale aperto per il film. Il mio obiettivo per questo film era di arrivare a quel punto: dopo di ciò può essere un thriller o qualsiasi altra cosa. Non volevo etichettare i miei personaggi come assassini o perdenti. 

Che cosa ci può dire sul suo prossimo film?
Il mio prossimo film, Butterflies, è stato al laboratorio Sundance. Sono eccitato dalla realizzazione di questa commedia nera su tre fratelli che tornano insieme al loro villaggio d'origine dopo trent'anni. È lo stesso tempo e luogo di Toll Booth. Penso che lo gireremo nel 2017, ma bisogna vedere se riusciremo a ricevere un supporto dal Ministero della Cultura.

(Tradotto dall'inglese)

photogallery

titolo internazionale: Ivy
titolo originale: Sarmaşık
paese: Turchia, Germania
anno: 2015
regia: Tolga Karaçelik
sceneggiatura: Tolga Karaçelik
cast: Nadir Saribacak, Kadir Çermik, Özgür Emre Yıldırım, Hakan Karsak, Osman Alkaş

premi/partecipazioni principali

Sundance Film Festival 2015World Cinema Dramatic
In concorso
Istanbul Film Festival 2015 
Karlovy Vary International Film Festival 2015East of the West
cinando

Follow us on

facebook twitter rss

Newsletter

Seneca's Day Lithuania
Home Sweet Home