Il mio Godard (2017)
The Square (2017)
Loving Vincent (2016)
Soleil battant (2017)
The Nothing Factory (2017)
Out (2017)
Corpo e anima (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

“Il piacere di inventare”

email print share on facebook share on twitter share on google+

Alex van Varmerdam • Regista

di 

- In concorso per la prima volta a Cannes, il cineasta olandese offre qualche chiave di lettura del suo intrigante Borgman

Alex van Varmerdam • Regista

Circondato dagli attori Jan Bijvoet, Hadewych Minis e Jeroen Perceval, e da suo fratello e produttore Marc, il regista olandese Alex van Varmerdam ha offerto alla stampa internazionale qualche chiave di lettura di Borgman [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Alex van Varmerdam
scheda film
]
, presentato in competizione al 66mo Festival di Cannes.

Come è nata l'idea del film?
Alex van Varmerdam: A un certo punto della mia vita, ho letto analisi e critiche dell'opera del Marchese de Sade. Ci sono molte cose nascoste nel suo cervello e, di tanto in tanto, si pesca lì dentro e si trovano idee. È così che è nata l'idea del film. In generale, non comincio da una sinossi. Comincio con la prima scena e quella che si vede nel film è esattamente quella che avevo scritto. Poi Camiel suona alla porta della prima casa e a quel punto non sapevo come andare avanti. Quello che segue è il piacere di inventare. La sceneggiatura è nata in questo modo, una cosa tira l'altra. Alla fine, era più lunga del film e abbiamo tagliato qualche scena umoristica per renderlo più forte.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Qual è il messaggio del film? E' un'analisi sociale della vita vuota dei ricchi?
Cerco sempre di non dare un significato preciso ai miei film, perché gli spettatori siano liberi nelle loro interpretazioni. A un certo punto, il personaggio di Marina, molto turbato, dice: "Siamo così fortunati e le persone fortunate devono pagare prima o poi". È forse una critica della nostra società occidentale, con gente come Camiel che viene a punirci per la nostra felicità. Ma non era mia intenzione. Il dialogo suonava bene. È una semplice suggestione, niente di più. 

Borgman è una sorta di celebrazione delle forze del male?
Volevo mostrare il male, non attraverso gente bizzarra o strana, bensì con persone normali, che si potrebbero incontrare al supermercato. Ma i personaggi sono forse anche metà angeli e metà demoni. Ci sono indizi nel film, ma forse è meglio che gli spettatori che li captano poi li dimentichino.

Il luogo ha un ruolo importante nel film. La foresta crea un'atmosfera molto XIX secolo, ma la casa è moderna. Perché ha sovrapposto i due elementi?
Ci sono sempre foreste nei miei film. Quanto alla casa, visualizzo subito la messa in scena quando scrivo, il luogo dove si trova la porta, le finestre. E tengo a rispettare sempre la messa in scena che ho previsto, altrimenti non so più dove sono. Amo creare la scenografia seguendo la mia immaginazione, e che le cose restino come le ho concepite all'inizio.

Ha fatto qualcosa di nuovo in questo film?
È il primo film in cui muovo la cinepresa. Generalmente, amo che la macchina si muova solo quando si sposta qualcosa nell'inquadratura: la cinepresa segue. Ci sono molti registi che la trovano una cosa stupida e dicono che puoi spostare la cinepresa anche quando non si muove nulla nella scena. Ma io non lo posso fare, va contro le mie convinzioni più intime. All'inizio, quando Borgman è nascosto nel buco, sotto terra, per la prima volta nella mia vita la macchina si sposta senza motivo, si avvicina al suo viso. In altri film, quando volevo fare uno zoom, mi dicevo che era troppo banale. Ma stavolta mi è piaciuto.

Leggi anche

Newsletter

ArteKino
Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01

Follow us on

facebook twitter rss