A Ciambra (2017)
Happy End (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
120 battements par minute (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
Jupiter's Moon (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Un programma radicale e nuovi talenti"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Marek Hovorka • Direttore del festival, Jihlava IDFF

di 

- Marek Hovorka, direttore e responsabile della programmazione del Jihlava International Documentary Film Festival, parla con Cineuropa del concept e degli obiettivi dell'imminente 19ma edizione

Marek Hovorka  • Direttore del festival, Jihlava IDFF

Abbiamo chiacchierato con Marek Hovorka, direttore e responsabile della programmazione del Jihlava International Documentary Film Festival, per saperne di più sul concept e sugli obiettivi della 19ma edizione dell'evento, che si svolgerà dal 27 ottobre al 1 novembre. 

Cineuropa: La direzione artistica del JIDFF è composta da tre persone: Petr Kubica, Andrea Slovakova e lei. Come gestisce tutti i vari programmi, e come avviene il processo di selezione? Quanti film invitate al festival, al contrario delle iscrizioni?
Marek Hovorka: Ci sono diversi metodi esistenti per l'organizzazione di un festival del cinema, ma non credo molto nella democrazia qui. Il JIDFF non è un festival per tutti i tipi di film; è per questo che siamo solo in tre in direzione artistica. Vogliamo avere un profilo chiaro incentrato sul cinema d'autore innovativo - da tre diverse prospettive geografiche e seguendo due linee di genere: dividiamo le nostre competizioni in Internazionale, Europea centro-orientale e Film cechi, e ci concentriamo su documentari e documentari sperimentali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Non conosco la proporzione dei film iscritti o di quelli invitati, ma è sempre importante combinare la drammaturgia attiva con una mente aperta. Incoraggiamo i registi a presentare i loro film a Jihlava e, naturalmente, i film che non hanno ancora avuto le loro anteprime hanno molte più possibilità di essere selezionati. Nel programma di quest'anno, proietteremo 58 film in anteprima mondiale, nove in anteprima internazionale e 11 in anteprima europea. Ed è sempre una sorpresa interessante vedere la line-up finale. 

La sezione principale del festival, Opus Bonum, è costituita da documentari di ogni genere, lunghezza e origine. Qual è la principale linea di pensiero nella scelta dei film per questa competizione?
Beh, la selezione è radicale. È molto importante pensare a questi film in modo cinematografico, e non solo come produzione documentaristica. Ogni regista cerca di scoprire e seguire il proprio percorso cinematografico originale; per questo motivo la varietà dei film selezionati è così ampia. Un buon esempio è il vincitore dell'Opus Bonum dello scorso anno, I Am the People, presentato in anteprima mondiale a Jihlava e proiettato poi ai festival di tutto il mondo, compresa la sezione ACID di Cannes.

Non stiamo solo cercando di selezionare film diversi; stiamo anche cercando di creare un festival diverso. Per esempio, il nostro sistema di giurie è probabilmente unico: la giuria di Opus Bonum ha un solo membro, ma è sempre un regista affermato, come Victor Kossakovsky, quest'anno. Per il programma Fascinations, invitiamo un regista o un critico del campo sperimentale con la famiglia, in modo che possano decidere il vincitore insieme. Quest'anno, tocca all'artista multimediale Elena Gui, e al regista sperimentale e distributore Emmanuel Lefrant

Between the Seas è ben definita geograficamente: l'Europa centrale e orientale, ma comprende anche le nazioni dei Balcani e del Caucaso. Qual è l'idea dominante e filo comune, fatta eccezione per l'ampia geografia?
L'idea è quella di concentrarsi su una regione che abbia specifiche caratteristiche storiche e culturali, e che non faccia parte delle relazioni e delle collaborazioni tradizionali dell'Europa occidentale. Se si guardano i programmi dei grandi festival dell'Europa occidentale, l'obiettivo principale è naturalmente concentrarsi sulla produzione dalla propria regione, e quelle di America Latina, Nord America e Asia. Se si trovano due o tre documentari provenienti dall'Europa orientale, è un successo.

Intendiamo anche mettere in luce nuovi talenti e film attuali che mostrano un quadro più chiaro delle persone che vivono nei Paesi "Ad Est dell'Ovest". Mostrano un modo diverso di pensare alla vita. E per quanto ne so, l'Europa orientale sta nuovamente guadagnando sempre più attenzione. 

Un'ampia parte del programma è dedicata ai film sperimentali. Quest'anno, avete reso la sezione ceca sperimentale competitiva per la prima volta.
Per i film nelle sezioni Fascinations e Exprmntl.cz, ci concentriamo sempre sui film sperimentali con elementi da documentari. Inoltre quest'anno è speciale perché avremo la prima conferenza sulle questioni connesse al cinema sperimentale, chiamata Conference Fascinations. C'è molto da scoprire nei nostri programmi sperimentali!

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

Cannes NEXT

Follow us on

facebook twitter rss

Italian Pavilion Cannes