La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
El bar (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

Per un cinema forte un sistema di sale efficace

email print share on facebook share on twitter share on google+

Luigi Cuciniello • Presidente ANEC

di 

- Cineuropa incontra Luigi Cuciniello, il presidente dell'ANEC (Associazione Nazionale Esercenti Cinema)

Luigi Cuciniello  • Presidente ANEC
Luigi Cuciniello

La crossmedialità non è un nemico per Luigi Cuciniello, presidente dell’Associazione Nazionale Esercenti Cinema. “Anche se non possiamo ancora valutarne appieno né l’impatto economico né quello operativo, la pluralità di piattaforme è un segno di sviluppo, sul quale riflettere e aggiornare le nostre proposte”.

Cineuropa: Però la cronologia dei media va contro i nuovi modelli di fruizione.
Luigi Cuciniello: È tutto connesso: tempi, modalità di fruizione, prezzi e tipologia dell’offerta. Non c’è una difesa a priori delle ‘finestre’. Dev’essere chiaro che se un’opera viene proposta in tempi e modalità diversi e a pubblici diversi, deve avere un prezzo coerente con la qualità della proposta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Lo switch-off digitale delle sale italiane ha portato a una programmazione più redditizia?
L’offerta nelle sale riguardo alla programmazione si è molto allargata, perché oggi c’è la possibilità di vedere concerti, opere liriche, eventi sportivi. I contenuti alternativi in proporzione sono cresciuti molto, dopo un inizio che ha creato un po’ di confusione nell’offerta. La diversificazione delle proposte, adesso è diventata chiara al pubblico. E i risultati sono sempre più positivi.

La digitalizzazione ha richiesto un grande impegno. Cosa chiedete allo stato?
L’investimento per l’intervento di digitalizzazione è ricaduto quasi tutto sulle spalle degli esercenti. Poi c’è stato il recupero di una parte dell’investimento attraverso il modello della Virtual Print Fee (VPF) a seguito di un accordo abbastanza innovativo che è stato fatto con la distribuzione e la produzione.  Gran parte delle nostre strutture hanno dovuto far fronte con risorse limitate  a cambiamenti radicali, anche dal punto di vista organizzativo, gestione del personale e programmazione. C’è una tassazione iniqua, imposte locali che gravano sui cinema. Chiediamo dunque maggiore attenzione. Siamo in attesa di una riforma di sistema, e riteniamo che gli investimenti sulla sala siano stati penalizzati. Senza un sistema di sale forti non ci può essere un cinema italiano forte  e si indebolisce la componente socio-culturale in tutto il territorio nazionale. 

Lei ha sottolineato di recente il dato negativo della quota di mercato italiana.
La rivoluzione digitale ha portato anche a una maggiore facilità di produrre opere, sia nei tempi che nei costi. Abbiamo un’offerta sempre più nutrita di titoli, sui quali però l’investimento in media è sempre  più basso. Secondo noi occorre lavorare sulla qualità delle proposte, senza dimenticare l’omologazione dei generi: si girano al 90 per cento commedie.

Newsletter

CASI HECHO Home

Follow us on

facebook twitter rss

Doc Spring