Miséricorde (2016)
6.9 on the Richter Scale (2016)
Belle Dormant (2016)
Callback (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Lavorare con Fassbinder è stata una scuola dura ma bella"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Michael Ballhaus • Direttore della fotografia

di 

- BERLINO 2016: Il direttore della fotografia Michael Ballhaus, creatore della carrellata a 360 gradi, ha incontrato Cineuropa alla Berlinale, dove ha vinto un Orso d'Oro Onorario

Michael Ballhaus  • Direttore della fotografia
(© Jim Rakete/German Film Museum)

Al 66° Festival di Berlino, il direttore della fotografia di fama internazionale Michael Ballhaus ha vinto un Orso d'Oro Onorario. L'opera del direttore della fotografia comprende 130 film, che vanno da Martha (1974), a I Favolosi Baker (1989) e L'Età Dell'Innocenza (1993), fino a 3096 Days [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 (2013).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come creatore della carrellata a 360 gradi, cosa ne pensa dei progetti di realtà virtuale che offrono una visione panoramica?
Michael Ballhaus: Non più di tanto perché, prima di tutto, ciò richiede di inventare storie che devono essere girate. Non credo in tutto ciò. È fantastico sedere insieme a tante persone in una stanza buia per condividere un'esperienza guardando un film insieme sullo schermo, che ci fa evadere dalla realtà e ci permette di provare emozioni. Questo è più importante per me di tutte le diavolerie tecnologiche. 

Ci sono stati sviluppi estetici derivanti dall'uso delle nuove tecnologie?
Per me, l'aspetto tecnico non ha mai contato più di tanto. L'idea della carrellata a 360 gradi è venuta da Fassbinder, ma io l'ho realizzata nel modo in cui voleva. Il mio suggerimento è stato quello di fare una carrellata a 180 gradi, ma Fassbinder voleva una panoramica, così l'abbiamo fatta. Non era una meraviglia tecnica, perché avevamo una pista rotonda su cui la macchina da presa girava attorno ad un oggetto.

Quali importanti svolte hanno cambiato il linguaggio visivo del cinema?
Il maggior punto di svolta è che adesso si lavora in digitale. Ho realizzato il mio ultimo film in digitale con la macchina Alexa, ma prima lavoravo sempre su pellicola e mi piaceva molto. Poiché abbiamo girato 3096 Days in una stanza di soli sette metri quadrati, è stato molto utile lavorare con una macchina piccola ad alta luminosità.

Quanto è stato difficile scegliere i titoli principali della sua produzione su 130 film?
Dato l'elevato numero di film a cui ho lavorato, non è stato facile selezionare le dieci opere più importanti. Ho adottato un approccio emotivo e pensato a quali film sono stati ​​più importanti per me nei miei ricordi. Questi sono quelli che ho scelto. Sono, in un certo senso, i miei amati figli.

Guardando indietro, ci sono film che avrebbe realizzato in modo diverso?
Il modo in cui si guarda a un film cambia nel tempo. Ho sempre avuto fiducia nelle mie idee ed emozioni quando volevo realizzare una certa scena. Mi hanno sempre guidato le mie emozioni.

Quant'è stata importante la collaborazione con i registi?
La collaborazione è sempre stata molto diversa. All'inizio, non avevo uno stretto rapporto con Fassbinder. Mi diceva ciò che cercava e lo otteneva; tutto qui. In seguito, ha iniziato ad ascoltare anche me quando avevo un'idea, ma la maggior parte del tempo, facevamo ciò che suggeriva lui. Poiché non amava andare in cerca di location, dovevo andarci io insieme con lo scenografo. Dopo, sul set, mi chiedeva come avrei realizzato la scena. Quando glielo spiegavo, ci pensava per cinque minuti e la faceva in modo diverso - ma un po' meglio, quindi ho anche imparato da lui. In questo modo, miglioravamo il nostro lavoro gradualmente. Alla fine è andata bene, ma a volte aveva i suoi punti deboli.

Com'è stato lavorare con registi che non erano così estremi?
Totalmente diverso. Ho sempre pensato che, dopo aver girato 16 film con Fassbinder, non sarebbe potuto accadermi più nulla di male nel settore, perché ero riuscito a far fronte ai problemi più grossi posti da un regista. È stata una scuola dura ma bella.

Con quali registi le sarebbe piaciuto lavorare?
Mi sarebbe piaciuto lavorare a Il Paziente Inglese di Anthony Minghella, così come mi era stato proposto. Ma il mio agente rifiutò perché avevo già un altro progetto in corso. Dopodiché, ho licenziato il mio agente.

Ha avuto anche l'ambizione di essere un regista?
Sì; volevo portare sul grande schermo la storia di Lotte Lenya. Un produttore mi ha suggerito che avrei dovuto dirigerlo dopo I Favolosi Baker. C'erano diverse versioni della sceneggiatura, ma prima che cominciassimo, il produttore ebbe un attacco di cuore e morì. In pratica fu la fine del progetto. Fu poi accantonato quando il dipartimento cinema del WDR lo respinse perché non approvava il cast. Erano state realizzate altre versioni della sceneggiatura, ma questo progetto in particolare non è mai arrivato sul grande schermo.

(Tradotto dall'inglese)

Newsletter

courgette oscar shortlist

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250