The Nile Hilton Incident (2017)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Verano 1993 (2017)
Tom of Finland (2017)
Barrage (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Dateci dei buoni sentimenti"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Rachid Djaïdani • Regista

di 

- CANNES 2016: Il regista francese Rachid Djaïdani parla del film che ha presentato quest’anno alla Quinzaine des Réalisateurs, Tour de France

Rachid Djaïdani • Regista
(© Quinzaine des réalisateurs)

L’autore di Rengaine [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rachid Djaïdani
festival scope
scheda film
]
, Rachid Djaïdani, parla del film che ha presentato quest’anno alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes, Tour de France [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rachid Djaïdani
scheda film
]
: la storia di un rapper e di un francese incarnato da Gérard Depardieu che imparano, nel corso di un viaggio attraverso il paese, a conoscersi e ad amarsi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come e quando le è venuta l’idea di fare questo film, ancora una volta itinerante?
Rachid Djaïdani: Nel 2012 avevo parlato con Anne-Dominique Toussaint, la mia produttrice, dell’idea di fare questo film mentre eravamo qui a Cannes, a presentare Rengaine. E’ un’idea che avevo da tanti anni: quella di far convivere in un film, per dirla in maniera semplicistica, un ragazzaccio e un fascista – ovviamente, la cosa è più complessa, ma l’idea era di instaurare questo antagonismo di base tra i personaggi. 

Come ha scelto Sadek per il personaggio di Far'hook e come ha ottenuto la partecipazione di Gérard Depardieu per quello di Serge?
Sadek è un artista che ammiro molto, che conoscevo da prima di proporgli il ruolo di Far-hook. Abbiamo quindi fatto delle prove e il risultato è stato talmente meraviglioso, talmente giusto, che non avevo altra scelta se non imbarcarlo con noi in questo viaggio. Quanto a Depardieu, "zio" come lo chiamo io, è lui che ti sceglie. E’ il suo sguardo che determina o no se passi l’esame, e una volta passato, si entra in un’idillio poetico e fraterno, un viaggio senza sosta, un respiro pieno di umanità. E’ come un bambino che esce da una lampada magica e all’improvviso esaudisce ogni tuo desiderio; Depardieu è un mago. E non lo dirigi: è lui a condurti. Si tratta di guardarlo, ascoltarlo e entrare in sintonia. Non si può parlare di dirigere l’attore con lui, perché non è un attore: è L'Attore.

Ha lasciato, come in Rengaine, spazio all’improvvisazione?
Mai, era tutto scritto. In quanto scrittore, amo le parole, i verbi, e contrariamente a Rengaine, dove le parole uscivano dalla bocca dei miei compagni, qui la sceneggiatura ha richiesto un anno per essere scritta, e sono io che ho affilato nel corso del suo sviluppo i giochi di parole e le altre battute che possono sembrare spontanee nel film. Come dice bene "zio": è lì per recitare, e non per sceneggiare o diventare dialoghista di un autore. Quindi non c’è stata per Tour de France alcuna improvvisazione, e inoltre Depardieu non accetta improvvisazioni, il che è un omaggio alla scrittura e al lavoro che richiede.

Quanto al colore, se Rengaine era grigio/nero come la città e rosso come l’amore e la rabbia, se il suo superbo documentario Encré, sul pittore astratto Yaze, era un’esplosione multicolore, qui, mentre ci si aspetterebbe un film verde, si scopre che Tour de France è blu.
Effettivamente, siamo in una temperatura un po’ fredda. Con Elie Akoka, il calibratore del film, abbiamo voluto evitare la facilità del giallo o del verde e andare verso qualcosa di più originale, facendo eco al colore del mare. Non volevamo cadere, semplicemente perché il film è assolato, nel cliché del giallo, e nel verde della Francia profonda. Inoltre, il blu rimanda a un freddo che attraversa i personaggi e tutto questo viaggio attorno ai quadri del pittore del XVIII secolo Joseph Vernet. Luigi XV gli chiese di percorrere tutti i porti della Francia per metterli sulla tela e ho ripreso l’idea del suo viaggio per creare delle tappe durante le quali i personaggi possano evolvere, confrontarsi ma anche fondersi, incontrarsi.

Il film espone e abbatte tutta una serie di cliché. Qual è il messaggio principale che vuole trasmettere?
E’ guardando l’Altro che esisti, ma bisogna anche accettare che l’altro alzi lo sguardo e ti guardi. La verità, alla fine, è l’amore. E’ davvero importante che ci si possa infine guardare, amarsi e cacciare ogni pregiudizio. Ci sono riconciliazioni possibili e altre che non lo saranno mai, ma ciò che mi piace è parlare di buoni sentimenti, ed è quello che faccio. Si parla a volte del "buon sentimento" come di qualcosa di negativo ma il buon sentimento è necessario – nel cinema, nell’arte. A cosa e a chi servono i cattivi sentimenti? A nessuno, di sicuro non a me! Datemi un buon sentimento, guardatemi con del buon sentimento, e io ve ne darò ancora di più.

(Tradotto dal francese)

Leggi anche

Newsletter

Emilia Romagna_site IT
Film Business Course

Follow us on

facebook twitter rss