Toni Erdmann (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
The Ornithologist (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
Things to Come (2016)
La ragazza senza nome (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Bisogna raccontare la frustrazione in qualche modo"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Rodrigo Sorogoyen • Regista

di 

- SAN SEBASTIÁN 2016: Il regista spagnolo Rodrigo Sorogoyen presenta Que Dios nos perdone, un thriller interpretato da Antonio de la Torre e Roberto Álamo Miglior sceneggiatura

Rodrigo Sorogoyen • Regista
(© Lorenzo Pascasio)

Il regista di Madrid Rodrigo Sorogoyen ha sorpreso tutti tre anni fa al Festival di Malaga con Stockholm [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, un film anti romantico interpretato da Javier Pereira e Aura Garrido, vincendo tre premi, tra cui quello alla miglior regia. In precedenza aveva girato con Peris Romano il film di microstorie sentimentali 8 citas. Con il suo terzo, malsano e splendido lungometraggio, Que Dios nos perdone [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Rodrigo Sorogoyen
scheda film
]
, in competizione al 64° Festival di San Sebastián, passa alla serie A dei registi spagnoli da tenere d'occhio nei prossimi anni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

Cineuropa: Il tuo film ha in comune con La isla mínima [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Alberto Rodríguez
scheda film
]
, di Alberto Rodríguez -contro cui competi in quest'edizione del festival, dove presenta El hombre de las mil caras [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Alberto Rodríguez
scheda film
]
- alcuni misteriosi crimini e Antonio de la Torre, attore onnipresente (sembra un factotum in Spagna).
Rodrigo Sorogoyen: Così dicono, ma José Coronado o Luis Tosar recitano di più (ride). È che Antonio adesso è in Tarde para la ira [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Raúl Arévalo
scheda film
]
, di Raúl Arévalo. Mi va bene competere contro Alberto Rodríguez, mi spaventa di più farlo contro i registi stranieri, con questa visione sbagliata e ingigantita che di solito abbiamo del cinema estero; Anche se El hombre de las mil caras sarà un gran film, lo vedo come un fratello, perché è un conterraneo. 

Ora che nomini Raúl Arévalo, che ha lavorato con te come attore in 8 citas, il tuo film fa pensare a Tarde para la ira nel mostrare un ambiente violento: entrambi ritraete la rabbia della società...coincidenza?
In questo frangente non esistono di solito coincidenze: ci dev'essere una frustrazione che bisogna raccontare in qualche modo... nel mio caso sì, e in quello di Raúl, il cui film è più incentrato sulla vendetta, credo pure. Ma per me nasce da una Madrid in cui, come accade anche in altre città occidentali, si convive con la violenza, a volte, anche nel centro cittadino: Isabel Peña, la mia co-sceneggiatrice, ed io eravamo vicini di casa, e abbiamo visto che nell'estate del 2011, coincidevano la visita del Papa e il 15M, e la polizia picchiava a destra e a manca. C'era un potere politico che impediva di accamparsi o protestare in strada e, di contro, accoglieva a braccia aperte mezzo milione di pellegrini e un Papa le cui gesta non andavano a genio a tutti a Madrid: ne risultò una violenza tale che dovevamo raccontarla. Il copione è nato dall'interesse antropologico di conoscere il motivo per cui un uomo taglia il collo a un altro, fino alla curiosità sociopolitica di ritrarre una città e un momento concreto: tutto ciò si è mescolato e abbiamo scritto un thriller su due poliziotti che devono acciuffare un assassino.

Hai iniziato con 8 citas, dirigendone la metà, poi hai realizzato Stockholm con un crowdfunding di €60.000, e ora hai più mezzi e Gerardo Herrero in produzione. È stata un'evoluzione, ma hai perso cose importanti lungo la strada?
Ero preoccupato di perdere la libertà: era pronto a combattere, educatamente, per mantenere la massima libertà, ma ne ho avuta molta, non so se perché sono stato prudente, se mi hanno dato fiducia o se gli astri si sono allineati. Ho fatto il film che volevo. E ho avuto mezzi che non avevo per Stockholm, ma lì ero produttore e dovevo preoccuparmi di molte cose, mentre ora mi sono dedicato a girare: questo film è più grande, più completo e ha richiesto più tempo, quindi quest'opera è venuta fuori meglio. 

Non hai ricevuto lamentele per la violenza?
Non l'ho vissuta così: la sceneggiatura è violenta, ti piaccia o no; infatti, un distributore francese non l'ha comprato per questo motivo. Poi c'è stata la vocina interiore che mi ha consigliato di andare avanti, ma senza paletti: siamo andati di pari passo con i poteri. Né il film è un inno alla violenza, ha scene dure, ma sarebbe potuto essere ben più crudo. 

Hai girato, oltre a Madrid, anche nelle Canarie?
Sì, grazie agli incentivi fiscali ottenuti. Abbiamo girato lì in interni: le case e il commissariato. Abbiamo girato anche a Torrelavega (Cantabria): qui ha luogo l'ultima scena di Que Dios nos perdone.

(Tradotto dallo spagnolo)

Leggi anche

Newsletter

CNC conférence 6 decembre

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs