The Nothing Factory (2017)
The Charmer (2017)
Mademoiselle Paradis (2017)
One Step Behind the Seraphim (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
The Square (2017)
On Body and Soul (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

“Mi piace ridere di me stessa”

email print share on facebook share on twitter share on google+

Nely Reguera • Regista

di 

- SAN SEBASTIÁN 2016: La cineasta catalana Nely Reguera debutta nel lungometraggio con María (y los demás), una commedia drammatica con protagonista una superba Bárbara Lennie

Nely Reguera  • Regista
(© Lorenzo Pascasio)

La barcellonese Nely Reguera ha studiato regia alla ESCAC – dove ora insegna –, ha lavorato al fianco di Mar Coll e collabora attivamente al lodevole progetto divulgativo di cinema per bambini Cine en curso. Prima del suo primo film da regista, María (y los demás) [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Nely Reguera
scheda film
]
, presentato nella sezione Nuovi Registi del 64º Festival di San Sebastián, aveva girato un corto (Pablo) premiato, e un documentario sul disastro del naufragio del Prestige (Muxía a ferida).

Cineuropa: Contenta per come è stato accolto il suo film alle prime proiezioni, con il pubblico che rideva in sala?
Nely Reguera:
Sono molto felice, anche se il film non è fatto per ridere tutto il tempo. Temevo che non succedesse, che non ridessero. Io vedo il film e rido molto: spero che la gente entri in connessione con questo umorismo e con il personaggio centrale.

Anche perché la María del titolo, interpretata da Bárbara Lennie, ha un carattere particolare, e anche il tono del film è speciale.
Il tono l’ho avuto chiaro fin dall’inizio: la storia è un piccolo dramma che bisognava raccontare con umorismo, e facendo attenzione, perché se drammatizzavamo, rendevamo pesante il tutto. Nello scrivere la sceneggiatura, avevamo ben presente questo: quando la situazione diventava un po’ drammatica, cercavamo altro per alleggerire e dare una svolta; nella messa in scena e con gli attori è stato lo stesso: sempre a sdrammatizzare.

Per digerire meglio ciò che accade a questa ragazza...?
Sì, perché alla fine la vita è così, con momenti di cambiamento e senza continuità, perché nessuno ti avverte: sei molto felice e, all’improvviso, tutto peggiora. A me piace molto questo tono: che si possa ridere un po’ di se stessi. Mi piacciono quei film che ti permettono di ridere di e con il personaggio.

Quanto c’è di Nely Reguera nel personaggio di María?
Molte cose mie e del mio ambiente. Però è bello quando i personaggi crescono, diventano autonomi e prendono distanza: poi vanno da soli; così vedi le cose in modo diverso. Il film nasce dalla voglia di parlare di una donna che arriva a un’età in cui la società si aspetta che tu abbia realizzato un serie di cose, ma tu non ne hai realizzata nessuna e ti chiedi: che cosa mi succede? Però vedi che attorno a te, l’80% della gente sta nella stessa situazione. Anche se il caso di María è estremo: ci si chiedeva perché nella vita abbiamo tante pressioni.

Queste pressioni a volte vengono da fuori, ma anche da se stessi…
Assolutamente. Inoltre, ci sono cose che non ci siamo chiesti se le vogliamo o no, eppure la frustrazione per non avercele c’è già: è una cosa assurda che capita anche al personaggio, che non si ferma a pensare con tranquillità che cosa vuole veramente. Quando ho deciso di fare il ritratto di María, è venuta poi la sua famiglia, poiché l’universo familiare dice molto di una persona: non conosci davvero una persona se non la vedi relazionarsi con i suoi, per questo hanno tanto peso nel film.

(Tradotto dallo spagnolo)

Leggi anche

Newsletter

San Sebastian Report
Jihlava
Focal Production Value

Follow us on

facebook twitter rss