Verónica (2017)
120 battements par minute (2017)
Western (2017)
Scary Mother (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
The Square (2017)
Indivisibili (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

“Dobbiamo vivere tutti assieme”

email print share on facebook share on twitter share on google+

Jim Sheridan • Regista

di 

- Il regista irlandese Jim Sheridan, il cui film, The Secret Scripture, è stato presentato a Roma, ha incontrato Cineuropa per parlare dell'abuso su minori, della chiesa e della nostra società

Jim Sheridan • Regista
(© Birgit Heidsiek / Cineuropa)

All'11ma edizone della Festa del Cinema di Roma, il regista, produttore e sceneggiatore irlandese Jim Sheridan ha presentato il suo film The Secret Scripture [+leggi anche:
trailer
intervista: Jim Sheridan
scheda film
]
,che ha nel cast Rooney Mara e Vanessa Redgrave. Basato sul romanzo di Sebastian Barry, il film narra la storia di una donna anziana che ha vissuto in un ospedale psichiatrico per più di cinquant'anni. Come uno dei dottori scoprirà, fu mandata li da un prete pazzo che era geloso del suo amore verso un pilota dell'esercito.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il suo film parla di una madre la cui bambina è stata portata via dalla chiesa durante la Seconda Guerra Mondiale. Conosce persone a cui è accaduto davvero?
Jim Sheridan: Si, mia madre possedeva un bed and breakfast dove accoglieva le persone. Ho incontrato molte persone che hanno subito abusi e sono state portate via dalle loro madri quando erano ancora bambini. Quando gli Inglesi hanno abbandonato l'Irlanda, hanno praticamente portato via tutte le case popolari e quindi non era rimasta nessuna infrastruttura. Quindi la chiesa prese il controllo della situazione, e divenne molto potente, corrotta e malvagia. Durante quel periodo, le risorse erano molto preziose, quindi se una donna rimaneva incinta, significava un'altra bocca da sfamare, e se non c'era un padre o una struttura familiare, consideravano quel bambino un demone dell'inferno. Era ciò di cui la chiesa aveva più paura, e punivano questo in ogni modo possibile.

Non fu intrapresa nessuna azione legale?
Si, di recente sono stati scoperti molti corpi di bambini seppelliti. Ora inizierà la procedura legale. In realtà il problema è che,se tutte le persone che hanno subito violenza dovessero ricevere un indennizzo, continueresti a pagarle per mille anni – sono accadute troppe cose. D'altro canto, però, un sacco di bambini sono stati dati a delle ottime famiglie, principalmente negli USA. Ma, spesso, le suore compilavano due certificati di nascita: uno per il bambino che se ne andava e uno per il bambino che rimaneva, e quindi a volte c'erano due bambini con lo stesso nome. Ma le suore erano convinte di star facendo la cosa giusta.

Era davvero così facile mettere qualcuno in un ospedale psichiatrico all'epoca? Conosco una donna che fu messa in un istituto di igiene mentale durante la Seconda Guerra Mondiale, proprio come nel film. Fu messa lì perché andò in Inghilterra ed ebbe un esaurimento. Quando tornò a casa era molto sopra le righe. Sua madre la mise in un istituto psichiatrico e non fu fatta uscire da lì fino al 1980. Rimase lì 40 anni. Questo è ciò che ho cambiato dal libro, perché volevo che il film avesse una storia pregressa che io conoscessi personalmente. Ci furono molti casi come questo.

Come si confronta con questo la società Irlandese al giorno d'oggi?
C'è stata una presa di coscienza, ma alla gente non piace parlarne, perché è una vergogna per la società.. Michael Clemenger ha scritto il libro Holy Terror, su come veniva molestato dai Cristiani il mercoledì e la domenica, che non ha avuto molto successo in Irlanda. Ma in Inghilterra, dove venne pubblicato con il titolo Everybody Knew, è stato tra i primi tre best seller.

È stato difficile finanziare il film?
Abbiamo avuto i soldi da dieci fonti diverse, come imprenditori privati, TV, e alcuni soldi dagli USA e dall'Europa. Ho prodotto da solo alcuni dei miei film, come In the Name of the Father, The Boxer e In America, ma è stato molto difficile fare entrambe le cose. Quindi ho prodotto questo film assieme a Noel Pearson, il produttore di My Left Foot.

Quale sarà il suo prossimo progetto?
Ho appena terminato un corto di dieci minuti, The Eleventh Hour,con Salma Hayek, che riguarda l'11 Settembre e attualmente lo sto montando. Spero di poterlo far uscire prima delle elezioni. Non è un film politico; è un film delicato sull'essere civili. Il messaggio è che dobbiamo vivere tutti insieme.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

Sarajevo Report
Locarno Report
Midpoint TV/Feature

Follow us on

facebook twitter rss