Glory - Non c'e tempo per i onesti (2016)
One Step Behind the Seraphim (2017)
Mademoiselle Paradis (2017)
The Nothing Factory (2017)
A Ciambra (2017)
On Body and Soul (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

ATTORI Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

La folla saluta Alberto Sordi

di 

- Circa 60.000 persone in fila per tutta la notte al Campidoglio per un omaggio al grande attore. Domattina i funerali

La folla saluta Alberto Sordi

Una folla immensa, ordinata e silenziosa, si è messa in fila per rendere omaggio alla salma di Alberto Sordi. Al Campidoglio, dove da ieri alle 17:30 è stata allestita la camera ardente, si sono viste circa 60.000 persone. Il pellegrinaggio è continuato tutta la notte e non si fermerà fino a domani, quando tutti si riverseranno nella Basilica di San Giovanni, dove alle 10:00 si terranno i funerali. L'attore, spentosi ieri notte a Roma nella sua villa vicino alle Terme di Caracalla, aveva 82 anni e da tempo lottava contro una grave malattia. E' stato per oltre cinquant'anni l'interprete più acuto sul grande schermo dei tic e delle ossessioni degli italiani.

Non appena l'agenzia Ansa ha battutto il primo flash (alle 8:59 di ieri mattina), si sono rincorse le reazioni. Del mondo dello spettacolo e delle massime cariche istituzionali italiane, ma anche della gente comune. Tanti romani, insieme a giornalisti e fotografi, si sono assiepati davanti ai cancelli della villa dell'attore per depositare biglietti e fiori, quasi tutti stretti in nastri giallorossi, come i colori della sua amata Roma.

Il primo a parlare è stato il sindaco di Roma Walter Veltroni, suo amico e ammiratore: "Un grande dolore per la città e per tutto il Paese". Il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha ricordato l'"italianità" di Sordi, "una delle figure più rappresentative del Novecento italiano", aggiungendo che l'attore "ha interpretato i sentimenti degli italiani, soprattutto nei momenti più difficili e duri". Commozione profonda a casa di Nino Manfredi: "Abbiamo fatto tanta strada insieme da non saper più se eravamo amici, compagni, oppure una parte indissolubile di quella memoria italiana che per tanti anni si è riconosciuta nella commedia popolare". Per Mario Monicelli, che lo ha diretto in tanti film memorabili tra i quali La grande guerra e Un borghese piccolo piccolo "è stato l'attore più grande". Per Carlo Verdone, da molti considerato il suo erede, "Alberto Sordi, come nessun altro, ha rappresentato e capito la storia d'Italia degli ultimi quarant'anni".

E tra i tanti e commossi omaggi all'Albertone nazionale non manca la voce “stonata” fuori dal coro. Secondo il leghista Francesco Speroni "Sordi non è un attore simbolo di tutti gli italiani. Rappresenta una realtà locale, la cultura romanesca".

Jihlava
San Sebastián Full
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss