The Other Side of Hope (2017)
Félicité (2017)
Orpheline (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
Waldstille (2016)
Dall'altra parte (2016)
Paris La Blanche (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Germania

email print share on facebook share on twitter share on google+

Ancora Brunswick

di 

- La 26ma edizione del festival si è aperta ieri sera nella città della Bassa Sassonia

Ancora Brunswick

Das Leben ist nichts für Feiglinge [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(foto) del tedesco André Erkau, adattamento dell'omonimo romanzo di Gernot Gricksch, ha aperto ieri il 26mo Festival internazionale di Brunswick (dal 6 all'11 novembre), con la storia di un'adolescente orfana di madre che scappa in Danimarca, seguita dal padre inconsolabile, la nonna e un'aiuto-infermiera.

La sezione internazionale del festival comprende 18 lungometraggi, tra cui uno dei favoriti dei BIFA, Sightseers [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Ben Wheatley
scheda film
]
di Ben Wheatley, presentato all'ultima Quinzaine des réalisateurs di Cannes, e la coproduzione anglo-americana 7 psicopatici [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Martin McDonagh, i film italiani Romanzo di una strage [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Marco Tullio Giordana, È stato il figlio [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Daniele Ciprì e I primi della lista [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Roan Johnson, e poi ancora The Courage del polacco Greg Zglinski, la coproduzione tra Francia e Groenlandia Le Voyage d'Inuk [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Mike Magidson, Miel de naranjas [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Imanol Uribe e il film finnico-irlandese Parked [+leggi anche:
trailer
intervista: Darragh Byrne
scheda film
]
di Darragh Byrne. La sezione Nuovo cinema tedesco propone dieci film, tra cui la coproduzione già presentata in diversi festival internazionali Paradise: Love [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell'austriaco Ulrich Seidl.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il festival, nato come movimento civico per il cinema contro le produzioni commerciali, resta generalmente non competitivo, ma il pubblico è invitato ad attribuire il Premio Heinrich al suo favorito tra dieci opere prime e seconde, tra cui Dust on our Hearts [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
di Hanna Doose, ultimo film girato dall'attrice "hanekiana" Susanne Lothar prima della sua morte improvvisa lo scorso luglio. Il festival diretto da Volker Kufahl ha infatti sempre messo l'accento sul cinema europeo, come testimonia tutti gli anni la consegna del premio della giuria giovane franco-tedesca e del Premio Europa a un attore del Vecchio Continente. Quest'anno, questo premio creato nel 2007 (già assegnato a Bruno Ganz, Isabelle Huppert, John Hurt, Stellan Skarsgård e Hanna Schygulla) va al belga Olivier Gourmet, cui è dedicata una retrospettiva di nove film.

Saranno presentati inoltre i cortometraggi e le produzioni dell'Università d'arte locale, e Florian Krautkrämer, suo ex allievo, sarà protagonista di un ritratto che presenta il suo lavoro sperimentale e orientato verso la musica, che è il secondo grande asse del festival: un altro riconoscimento della kermesse è infatti il Premio Leo della miglior musica per un cortometraggio.

Naturalmente, le proiezioni sono accompagnate da diversi eventi paralleli, tra cui una masterclass di Ludovic Bource, compositore premio Oscar per la musica originale di The Artist [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Michel Hazanavicius
scheda film
]
, e un dibattito intitolato "Cinema del futuro, futuro del cinema".

(Tradotto dal francese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home