Miséricorde (2016)
6.9 on the Richter Scale (2016)
Belle Dormant (2016)
Callback (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

DISTRIBUZIONE Europa

email print share on facebook share on twitter share on google+

Discussioni divergenti sulla distribuzione simultanea

di 

- CANNES 2014: L’esperienza di uscita simultanea multipiattaforma supportata dall’UE è stata ricevuta in modo diversi dai diversi membri dell’industria

Discussioni divergenti sulla distribuzione simultanea

Al Festival di Cannes, il Parlamento Europeo e la Commissione Europea hanno presentato un’analisi dei loro esperimenti con l’uscita in simultanea multipiattaforma di nove film in 15 paesi, avvenuta nel corso di un anno. Xavier Troussard, Capo Unità di Europa Creativa, ha aperto la discussione chiedendo cosa si possa imparare da questi esperimenti. Data la diffusione di piattaforme di VoD come Netflix in vari paesi europei, l’industria converge sull’opinione che questi nuovi attori cambieranno il mercato della distribuzione. Sono però divergenti le opinioni su come l’Europa debba affrontare queste nuove sfide.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“Ai distributori fa male quando i prezzi dei DVD calano”, ha detto Raymond Walravens, direttore della Rialto Cinema di Amsterdam. L’uscita simultanea può mettere anche cinema redditizi fuori dal mercato. Philip Knatchbull, DG di Curzon World, che ha partecipato a tali azione preparatorie, distribuisce il maggior numero di film possibile con il metodo dell’uscita simultanea. “Alcuni film meritano finestre più ridotte. La chiave è trovare un modo per mantenere la flessibilità e il controllo: dobbiamo dare al cliente quello che vuole quando vuole”.

“Non c’è un modello di business per l’uscita simultanea”, ha replicato Nico Simon, DG di Utopia Group of Cinemas e presidente di Europa Cinemas, critico sul fatto che gli esercenti non siano stati coinvolti nell’azione preparatoria. “Sono ottimista sulla possibilità di dare una nuova forma di vita ai film”, ha aggiunto Thierry Lounas, rappresentante del Syndicat des Distributeurs Indépendants francese. “Va però trovato un modello economico”.

“L’uscita di nove film in 15 paesi ha generato solo 15.000 spettatori in sala: un film aveva un pubblico di non più di 27 persone”, ha sottolineato Torsten Frehse, rappresentante dei distributori indipendenti tedeschi. “Spero che questo esperimento non ponga le basi per eventuali decisioni politiche. è il modo sbagliato di farlo”.

“I film non possono essere rifinanziati se gli incassi sono marginali come questi”, ha dichiarato Jan Runge, portavoce dell’associazione esercenti europei UNIC – International Union of Cinemas. La Commissione dovrebbe fidarsi dell’industria su dove e quando distribuire i film. “Discutiamo troppo delle tecniche, dobbiamo parlare di più dei contenuti”, ha aggiunto il presidente di AG Kino Christian Bräuer. A sunto della discussione, Rossmann, presidente di CICAE, ha concluso: “In questa discussione i film sono visti solo come prodotti - ma un film è un oggetto culturale”.

(Tradotto dall'inglese)

courgette oscar shortlist
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250