Thelma (2017)
Nico, 1988 (2017)
The Charmer (2017)
Muchos hijos, un mono y un castillo (2017)
The Nothing Factory (2017)
Out (2017)
Soleil battant (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

INDUSTRIA Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Definire nuove regole del gioco eque

di 

- Dinanzi all’emergenza di attori globali, l’industria cinematografica francese passa all’offensiva sulla nozione di paese di destinazione

Definire nuove regole del gioco eque
© Julien Attard

Netflix e YouTube oggi, HBO e altri domani: il rafforzamento sul mercato europeo di nuovi servizi di diffusione delle opere ha fattto entrare il solidissimo modello cinematografico francese in una spirale potenzialmente generatrice di seri squilibri a venire. Passato sotto la lente ai 24mi Incontri Cinematografici organizzati dall’ARP a Digione, il tema ha posto sotto i riflettori l’attuale regolamentazione basata, su scala europea, sul principio del paese di emissione e che permette ai giganti del web di affrancarsi dalle regole della concorrenza e della fiscalità, ma anche dagli obblighi di sostegno alla creazione e di esposizione delle opere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Reclamando un trattamento equo, i diffusori e finanziatori della settima arte in Francia predicano a favore di un sistema che riposi sul consumo misurato nel paese di destinazione. "Si dice spesso che questi attori sono inafferrabili. Ma non è affatto così!", ha spiegato Rodolphe Belmer, direttore generale di Canal+ (chiave di volta del finanziamento dei film in Francia). "La diffusione Internet è fisica. Netflix e YouTube hanno un terminale a Parigi. Bisogna definire gli obblighi e la fiscalità rispetto a queste infrastrutture fisiche". Questa misura tecnicamente facile da mettere in atto e che ha fatto l’unanimità tra tutti i partecipanti a Digione (in particolare Vincent Grimond di Wild Bunch) deve ora essere discussa a livello di Unione europea.

Secondo Frédérique Bredin, presidente del CNC, la questione di questi "giganti che giocano con l’ottimizzazione fiscale riguarda tutti". La Francia e la Germania stanno già reagendo, e l’Italia è sul punto di unirsi al movimento. Un dibattito cruciale si annuncia quindi su questo tema del consumo nel paese destinatario e non nel paese d’origine, un capovolgimento della logica attuale che sarà vitale per la preservazione delle industrie cinematografiche e audiovisive europee in una rivoluzione digitale che rende le filiere più porose, tendendo a spostare il potere economico verso il basso e complicando la regolamentazione (leggi l’analisi prospettica di Nicolas Colin su "Le industrie culturali dopo la rivoluzione digitale").

(Tradotto dal francese)

ArteKino
Unwanted_Square_Cineuropa_01
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss