Son of Sofia (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
A Ciambra (2017)
Ava (2017)
Western (2017)
Les Fantômes d'Ismaël (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

INDUSTRIA Europa

email print share on facebook share on twitter share on google+

La cultura e la creatività rappresentano una via d'uscita alla crisi

di 

- Un ampio studio dimostra chiaramente che la cultura e la creatività rappresentano un settore importante per l'economia europea e sono parte della soluzione alla crisi

La cultura e la creatività rappresentano una via d'uscita alla crisi

Un nuovo studio condotto da EY (ex Ernst & Young) e commissionato da GESAC (Gruppo europeo delle società di autori e compositori) rivela che la creatività e la cultura hanno registrato una crescita costante a dispetto della congiuntura economica, piazzandosi al terzo posto nella classifica europea dei settori che generano più impiego. Lo studio, presentato il 2 dicembre a Bruxelles, è stato finanziato da 18 partner e organizzazioni di supporto ed è il più ampio nel suo genere poiché analizza undici settori (libri, giornali e riviste, musica, spettacolo, televisione, cinema, radio, giochi e videogiochi, arti visive, architettura e pubblicità). Con €535.9 miliardi e 7 milioni di posti di lavoro, dei quali il 19,1% è affidato a lavoratori sotto i 30 anni, la cultura e la creatività si collocano tra i primi tre settori che generano più impiego in Europa, subito dopo l'edilizia e il food & beverage.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L'industria creativa e culturale si è inoltre già affermata nell'ambito dell'economia digitale. Lo studio sottolinea che, in media, il 70% del tempo trascorso usando un tablet viene destinato al consumo di beni culturali. Tra il 2001 e il 2011, infatti, i ricavi derivati dal mercato digitale hanno generato un surplus di oltre €30 miliardi (tenendo in considerazione tutti i settori analizzati). Ciò ha comportato una serie di benefici: un aumento del fatturato del 109% che ha interessato l'industria discografica tra il 2009 e il 2013; lo sviluppo di nuovi servizi, come gli e-book; un incremento annuo del 12% dei ricavi derivati dalla pubblicità online o da riviste di successo come Der Spiegel online (5,6 milioni di visitatori al mese). Buona anche la performance del settore cinematografico grazie alle nuove tecnologie digitali e al 3D. Lo stesso vale per la radio, che sta diventando un mezzo multi-piattaforma. Lo zoccolo duro del mercato digitale delle ICC rimane tuttavia il settore dei giochi.

L'Unione eEuropea vanta un certo numero di aziende leader a livello internazionale come Egmont, Grupo Planeta, La Scala, RTL Group, Nordisk Film, Deezer, Rovio Entertainment, Dorotheum, BBC World Service, Publicis e Sweco. Sette delle dieci maggiori case editrici al mondo sono infatti europee, come anche cinque dei dieci principali festival a livello mondiale e due delle tre maggiori aziende del settore pubblicitario. Questi successi sono un riflesso dei loro settori e si basano sulla forza e sulla ricchezza della creatività europea. Una vera garanzia per la diversità culturale.

Per maggiori informazioni consultate il sito web di Creating Europa.

(Tradotto dall'inglese)

Cannes NEXT
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Swiss Films Cannes