A Ciambra (2017)
Happy End (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
120 battements par minute (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
Jupiter's Moon (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SUNDANCE 2015 Israele

email print share on facebook share on twitter share on google+

Due film israeliani al Sundance

di 

- Il mese prossimo, il grande festival americano accoglierà due film israeliani: un lungometraggio di finzione, Princess, e un documentario, Censored Voices

Due film israeliani al Sundance
Shira Haas e Ori Pfeffer in Princess

Due film israeliani, un lungometraggio di finzione e un documentario, rappresenteranno Israele quest’anno al Festival del film di Sundance (22 gennaio-1° febbraio): Princess e Censored Voices. Il programma comprende anche numerosi film europei (leggi l’articolo).

Princess è il secondo lungometraggio della regista e sceneggiatrice che vive a Tel-Aviv Tali Shalom Ezer, alla quale è stato assegnato il Premio Haggiag per il miglior film israeliano a Gerusalemme. Questo titolo, che sarà proiettato al Sundance in anteprima internazionale, è stato selezionato nel concorso internazionale. Racconta la storia di Adar (Shira Haas), una ragazzina di 12 anni che vive con sua madre (Keren Mor), e Michael, il suo patrigno (Ori Pfeffer). La madre, alcolizzata, è raramente presente; mentre Michael, che sembra amare molto Adar, passa il suo tempo a giocare con lei. La loro relazione diviene rapidamente malsana e pericolosa. Per uscirne, Adar si lega ad Alan, che l’accompagnerà in oscuri percorsi tra la realtà e l’immaginazione. Questo film è stato prodotto dalla società inglese Marker Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Mor Loushy presenterà il suo secondo documentario, Censored Voices, in anteprima mondiale. Questa produzione, della casa israelo-americana kNow Productions, tratta la Guerra dei Sei Giorni, che aveva messo a confronto nel 1967 Israele ed Egitto, la Giordania e la Siria. Una settimana dopo la fine della guerra, il celebre scrittore Amos Oz e l’editore Avraham Shapira filmarono dei soldati di ritorno dal fronte, ma solo una piccola parte di queste testimonianze registrate ottenne l’autorizzazione per essere diffusa. Ora che la censura dell’esercito è stata eliminata, Censored Voices rivela per la prima volte queste conversazioni nella loro integrità. 

(Tradotto dal francese)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Swiss Films Cannes