Jupiter's Moon (2017)
In the Fade (2017)
Jeune femme (2017)
Makala (2017)
A Ciambra (2017)
120 battements par minute (2017)
Happy End (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SUNDANCE 2015

email print share on facebook share on twitter share on google+

I film britannici trionfano al Sundance

di 

- The Russian Woodpecker e Slow West, tra i film europei premiati

I film britannici trionfano al Sundance
Slow West di John Maclean

Il Sundance Film Festival annuale (22 gennaio - 1 febbraio) si è concluso con la premiazione di una serie di film britannici ed europei. The Russian Woodpecker (Regno Unito) di Chad Gracia ha vinto il World Cinema Grand Jury Prize: Documentario, mentre Slow West (Regno Unito/Nuova Zelanda) di John Maclean ha portato a casa il World Cinema Grand Jury Prize: Drammatico. Dark Horse di Louise Osmond ha vinto l’Audience Award: World Cinema Documentary e Kim Longinotto ha vinto il Directing Award: World Cinema Documentary per Dreamcatcher (Regno Unito).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra gli altri premi assegnati a talenti europei al Sundance troviamo il Directing Award: World Cinema Dramatic a Alanté Kavaïté per The Summer of Sangaile [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Alanté Kavaïté
scheda film
]
(Lituania/Francia/Paesi Bassi); un World Cinema Documentary Special Jury Award per l’Impatto a Pervert Park (Svezia/Danimarca) di Frida Barkfors e Lasse Barkfors; un World Cinema Documentary Special Jury Award per il Montaggio a Jim Scott per How to Change the World [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Regno Unito/Canada) di Jerry Rothwell; e un World Cinema Dramatic Special Jury Award per la Recitazione a Jack Reynor per Glassland [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Irlanda) di Gerard Barrett.

I registi vincitori e i progetti dei Sundance Institute Global Filmmaking Awards 2015 in riconoscimento ai registi emergenti indipendenti di tutto il mondo sono: Haifaa Al Mansour, Be Safe I Love You (Arabia Saudita); K'naan, The Poet (Somalia); Myroslav Slaboshpytskiy, Luxembourg (Ucraina); e Oskar Sulowski, Rosebuds (Polonia/Germania). Ogni regista ha ricevuto un premio in denaro di 10.000 dollari.

(Tradotto dall'inglese)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017