Nocturama (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PREMI Francia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Timbuktu trionfa ai Lumières

di 

- I titoli di miglior film e miglior regista per Abderrahmane Sissako. Karin Viard e Gaspard Ulliel premiati per l’interpretazione

Timbuktu trionfa ai Lumières
Abderrahmane Sissako con il suo Lumière (© Gilles Petipas per l'Academie des Lumières)

Attribuiti dai giornalisti stranieri di stanza a Parigi, i 20mi premi Lumières hanno visto ieri sera la vittoria di Timbuktu [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Abderrahmane Sissako, incoronato nelle categorie miglior film dell’anno e miglior regista. Svelato in concorso a Cannes e prodotto da Sylvie Pialat per Les Films du Worso con Armada Films, Arte France Cinéma, Orange Studio e l’anticipo sugli incassi del CNC, il lungometraggio distribuito in Francia da Le Pacte (668 000 entrate in otto settimane) è ormai il gran favorito per i César che saranno assegnati il 20 febbraio (leggi la news).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Già premiata nel 2000, Karin Viard si è aggiudicata il Lumière della miglior attrice per le sue performance in La Famille Bélier [+leggi anche:
trailer
making of
scheda film
]
e Lulu, femme nue [+leggi anche:
trailer
festival scope
scheda film
]
, mentre Gaspard Ulliel si è aggiudicato il titolo maschile per Saint Laurent [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
Q&A: Bertrand Bonello
scheda film
]
. Da segnalare anche i due trofei ottenuti da Les Combattants [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Thomas Cailley
scheda film
]
di Thomas Cailley: miglior opera prima e premio della miglior promessa maschile (Kevin Azaïs).

Nel complesso, il palmarès mostra un buon equilibrio tra cinema d’autore e film popolari giacché La Famille Bélier (5,5 milioni di entrate in Francia in 47 giorni di programmazione) ha ricevuto un secondo Lumière (Louane Emara, miglior promessa femminile) e la categoria della sceneggiatura è stata conquistata da Philippe de Chauveron e Guy Laurent per Qu’est-ce qu’on a fait au bon Dieu? [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(12,2 milioni di entrate l’anno scorso).

Da notare infine la vittoria di Due giorni, una notte [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Luc and Jean-Pierre Dardenne
scheda film
]
dei belgi Jean-Pierre e Luc Dardenne come miglior film francofono (fuori dalla Francia), il premio speciale dell’Accademia assegnato a Bande de filles [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Céline Sciamma
intervista: Céline Sciamma
scheda film
]
di Céline Sciamma e il premio tecnico CST della miglior fotografia per Rémy Chevrin (A la vie [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
).

(Tradotto dal francese)

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home