Makala (2017)
The Square (2017)
120 battements par minute (2017)
You Were Never Really Here (2017)
In the Fade (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
Jeune femme (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERLINO 2015 Polonia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Body, punta di diamante polacca a Berlino

di 

- Il film di Malgorzata Szumowska sarà presentato in concorso, così come la coproduzione Under Electric Clouds

Body, punta di diamante polacca a Berlino
Body di Malgorzata Szumowska

La Polonia è rappresentata da due film nella lista dei 19 titoli in competizione alla 65ma Berlinale al via da oggi: Body [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Malgorzata Szumowska
intervista: Malgorzata Szumowska
scheda film
]
di Malgorzata Szumowska e Under Electric Clouds [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Alexey German (coproduzione con la Russia e l’Ucraina). La produzione polacca è in vetrina anche nelle sezioni Forum, Forum Expanded e Generation Shorts.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Malgorzata Szumowska è una habitué della Berlinale dove è stata già selezionata al Panorama (nel 2004 con Strangers [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e nel 2012 con Elles [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Malgorzata Sumowska
scheda film
]
) prima di accedere alla competizione nel 2013 con In the Name of [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Malgorzata Szumowska
festival scope
scheda film
]
, premiato con il Teddy Award.

In Body, si concentra su tre personaggi dagli universi completamente differenti: un procuratore specializzato in casi penali, sua figlia anoressica e una terapeuta persuasa di avere la capacità di comunicare con i morti. Malgrado un fondo drammatico, le storie raccontate nel film non sono trattate con troppa serietà, ma con distanza e ironia (uno stile già discretamente presente in un altro film della cineasta, 33 Scenes from Life [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), il che fa pensare che la regista stia modificando il suo stile di narrazione e le tonalità caratteristiche del suo cinema.

Il ruolo del procuratore è interpretato da Janusz Gajos, una star in Polonia che si è fatta ampiamente conoscere all’estero grazie a Tre colori - Film Bianco di Krzysztof Kieslowski. Al suo fianco nel cast figurano Maja Ostaszewska (Katyn [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Andrzej Wajda
intervista: Michal Kwiecinski
scheda film
]
, Jack Strong [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, In the Name of) e Justyna Suwala. Prodotto da Nowhere, Body è venduto all’estero da Memento Films

Ugualmente candidato all’Orso d’oro, Under Electric Clouds è stato coprodotto dalla Polonia via Apple Film Production, Tor Film Studio e TVP. Questo film dal gusto amaro firmato Alexey German esplora gli ultimi vent’anni della Russia, intrecciando passato, presente e futuro. Nel cast si distinguono Louis Fransk, Merab Ninidze, Viktoriya Korotkova, Chulpan Khamatova e Piotr Gąsowski. La produzione è guidata dai russi di Metrafilms e gli ucraini di Linked Films.

A Berlino, sarà inoltre presentato, nella sezione Forum, The Days Run Away Like Wild Horses Over the Hills [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Marcin Malaszczak (coprodotto da Balabusta per la Polonia con la Germania e gli Stati Uniti). Si segnalano infine Oskar Dawickki in The Performer [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del duo Maciej Sobieszczanski - Lukasz Ronduda (con l’artista polacco) nell’ambito del Forum Expanded, e il cortometraggio Maja di Jakub Michnikowski nel programma Generation Shorts.

(Tradotto dal francese)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017