Makala (2017)
The Square (2017)
120 battements par minute (2017)
You Were Never Really Here (2017)
In the Fade (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
Jeune femme (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

PRODUZIONE Portogallo

email print share on facebook share on twitter share on google+

Porto in fase di riprese

di 

- Il primo lungometraggio di finzione del brasiliano Gabe Klinger conta sulla coproduzione esecutiva di Jim Jarmusch e la coproduzione del portoghese Rodrigo Areias

Porto in fase di riprese
Gli attori Anton Yelchin e Lucie Lucas sul set di Porto (© João Fitas)

La città di Oporto ospita in questi giorni le riprese del lungometraggio Porto (titolo provvisorio Porto Mon Amour) sotto la direzione del brasiliano Gabe Klinger. Il film, che conta sull’americano Jim Jarmusch (Solo gli amanti sopravvivono [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) come produttore esecutivo, è coprodotto dal portoghese Rodrigo Areias (Bando à Parte) e sostenuto dal Municipio di Oporto nel quadro della nuova strategia municipale di promozione della città a livello internazionale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Porto, che è stato presentato ieri alla stampa locale, è una dichiarazione d’amore alla città con uscita prevista nel 2016, interpretato dall’americano Anton Yelchin e la francese Lucie Lucas e narrato da Chantal Akerman. I loro personaggi condividono una notte a Oporto, una notte che cambierà la loro vita per sempre e che il film racconterà in tre momenti, con tre approcci narrativi ed estetici diversi.

Klinger firma con Porto il suo primo lungometraggio di finzione, dopo aver vinto il premio del miglior documentario al Festival di Venezia nel 2013 con Double Play: James Benning and Richard Linklater, già co-prodotto da Areias. Per il regista, che inizialmente aveva pensato di filmare una storia simile ad Atene, girare a Oporto gli è parsa l’idea migliore per ragioni urbanistiche e architettoniche che permettono di integrare nella stessa inquadratura evidenti testimonianze del passare dei secoli. “La questione del trascorrere del tempo è fondamentale nella storia, anche perché i personaggi si conoscono in uno scavo archeologico”, ha aggiunto.

Sostenuto con 75.000 euro dal Municipio di Oporto, oltre ai consueti benefici fiscali offerti dalla Porto Film Commission, Porto rappresenta il primo grande investimento municipale nella produzione cinematografica. Secondo il sindaco Rui Moreira, il sostegno rientra in una nuova strategia di promozione della città a livello internazionale. I paesaggi di Oporto, sebbene ritratti innumerevoli volte nell’opera di Manoel de Oliveira, non figuravano finora nella mappa delle produzioni internazionali, cosa che potrà succedere in futuro: “Oporto è disponibile per chi la cerca”, assicura il responsabile della Cultura Paulo Cunha e Silva.

Oltre a Porto, anche O Sentido da Vida del portoghese Miguel Gonçalves Mendes, girato in parte nella città e in vari altri luoghi del mondo (leggi la news), conta sull’appoggio del Municipio di Oporto.

L’idea di sfruttare il lato cinematografico delle città è applicata da anni in altri paesi. Vicky, Cristina, Barcelona [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Woody Allen o i film collettivi Paris, je t'aimeNew York, I Love You e Rio, eu te amo sono gli esempi più emblematici di una strategia che coniuga cinema, turismo e benefici economici.

(Tradotto dallo spagnolo)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Swiss Films Cannes