A Ciambra (2017)
Happy End (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
120 battements par minute (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
Jupiter's Moon (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

OSCAR 2015 Polonia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Quattro candidati polacchi agli Oscar

di 

- La costumista Anna Biedrzycka-Sheppard e due brevi documentari firmati rispettivamente da Aneta Kopacz e Tomasz Sliwinski accompagnano Ida

Quattro candidati polacchi agli Oscar
Joanna di Aneta Kopacz

Ida [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Pawel Pawlikowski
intervista: Pawel Pawlikowski
scheda film
]
di Pawel Pawlikowski, nominato all’Oscar come miglior film in lingua straniera, non è il solo candidato polacco agli Academy Awards 2015 che verranno consegnati domenica (leggi l’articolo sulle nomination). Effettivamente, tra i cinque film in lizza per il titolo di miglior cortometraggio documentario, se ne distinguono due di matrice polacca (Joanna di Aneta Kopacz e Our Curse di Tomasz Sliwinski) e la costumista Anna Biedrzycka-Sheppard riceve la terza nomination della sua carriera per il lavoro svolto in Malefica di Robert Stromberg (era stata precedentemente nominata per Schindler’s List di Steven Spielberg e per Il Pianista [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Roman Polanski).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Our Curse di Tomasz Sliwinski racconta la storia intima e personale del regista e di sua moglie: tutte le difficoltà che si trovano ad affrontare nel momento in cui una grave malattia (Sindrome di Ondine) colpisce la figlia appena nata. La videocamera segue e ritraccia tutti gli sforzi compiuti per superare il dolore e per mantenere viva la speranza in questa situazione infinitamente complicata. Prodotto da Maciej Sesicki nell’ambito della Warsaw Film School e sostenuto dal Polish Film Institute, Our Curse è già stato premiato ai festival di Lisbona, Sheffield, Aspen, Monterrey, Olten e Londra.

Joanna di Aneta Kopacz traccia il ritratto di una donna che scopre che le rimangono soltanto tre mesi di vita a causa di una malattia. Il cineasta osserva con discrezione i piccoli momenti quotidiani di Joanna, con il marito e il figlio di cinque anni. È merito del figlio, che lei adora, se Joanna comincia a tenere un blog che spopola sul web. Si tratta di un film su “amore, relazione, malattia, tenerezza, vita, scomparsa, momento, gioia, dolore. Ciò che è qui e ora”, dichiara la regista. Con l’aiuto del Polish Film Institute, lo Studio Wajda ne ha assicurato la produzione. 

(Tradotto dal francese)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017