Makala (2017)
The Square (2017)
120 battements par minute (2017)
You Were Never Really Here (2017)
In the Fade (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
Jeune femme (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

DISTRIBUZIONE Slovacchia

email print share on facebook share on twitter share on google+

La primavera del cinema francese in Slovacchia

di 

- Il grande pubblico ha la possibilità di accedere ai film francesi in Slovacchia grazie a un modello di distribuzione dinamica

La primavera del cinema francese in Slovacchia
Addio al linguaggio di Jean-Luc Godard

Lo scorso anno, l’industria cinematografica francese ha battuto il record degli ultimi 30 anni di ingressi, superando la soglia dei 100 milioni di ingressi al di fuori del Paese. A capo della ricerca e delle relazioni di distribuzione della UniFranceJoël Chapron, vede l’apprezzamento da parte del pubblico straniero come un simbolo di vitalità del cinema francese. “I film francesi sono secondi al mondo per grandezza, dopo quelli americani”, ha commentato. Il cinema francese è molto ben rappresentato in Slovacchia: il direttore del French Institute in SlovakiaMichel Pouchepadass, ha asserito: “La Francia è il terzo maggiore esportatore di film in Slovacchia, dopo Stati Uniti e Repubblica Ceca”. Secondo Pouchepadass, la prova della popolarità a lungo termine del cinema francese in Slovacchia sta nelle  continue repliche televisive.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il distributore cinematografico europeo del Paese, la Film Europe Media Company, porta i film d'autore nel circuito delle sale nazionali (14 delle 41 pellicole del 2003 sono state distribuite dalla Film Europe) e ha recentemente organizzato una manifestazione itinerante dedicata al cinema francese, la Crème de la Crème (dal 12 al 18 marzo), dopo aver svolto un approfondimento sul cinema scandinavo a gennaio.

Il programma del Crème de la Crème prevedeva una gran quantità di film, andando da Addio al linguaggio [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Jean-Luc Godard al vincitore della Palma d’oro La vita di Adele [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Abdellatif Kechiche
scheda film
]
 di Abdellatif Kechiche, a generi come quello di L’amour est le crime parfait [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Arnaud and Jean-Marie Larrieu. “L’intenzione era quella di creare una vetrina con ogni forma e genere disponibile del cinema francese degli ultimi anni”, ha detto il direttore generale della Film Europe, Ivan Hronec, sottolineando che il programma vantava sia anteprime che vecchie glorie di registi navigati. Secondo lui, il grande pubblico non sa dell’esistenza di una generazione emergente di registi francesi, e spiega che il pubblico più anziano ha invece una relazione stabile con il cinema francese del passato, ma che non segue i lavori nuovi. Le nuove generazioni, invece, hanno un’attitudine positiva nei confronti della cultura francese ma sono discontinui nei confronti dei film che il Paese ha prodotto recentemente. “Ed è proprio da questi punti di partenza che la programmazione e la strategia di business di Crème de la Crème sono nate – gli stessi della Film Europe, a dire il vero”, dichiara Hronec. 

L’International Festival of Francophone Film Bratislava (FFIFBA) ha aiutato a costruire un legame con il pubblico e a conservarlo; tuttavia, dopo 14 edizioni, il posto vacante rimasto in sospeso dal 2012, è stato riempito da Crème de la Crème, che è stato lanciato l’anno scorso e che ha coinvolto il pubblico al di fuori della capitale. “Siamo consapevoli del fatto che il FFIFBA, nel corso di questi 14 anni, abbia fatto un lavoro incredibile, promuovendo il cinema francese in Slovacchia dopo la rivoluzione di velluto”, afferma Pouchepadass, “ma, da quel momento in poi, la situazione è cambiata: serve una struttura di distribuzione e di promozione dei film più dinamica”. La situazione non è solo stata alterata dalla natura itinerante dell’evento Crème de la Crème.

Chapron la considera un’anteprima dei film in fase di realizzazione, più che un festival a tutti gli effetti, e ha aggiunto: “Tutti i film proiettati durante il festival possono essere rivisti successivamente. È il concetto migliore”. L’idea della distribuzione dinamica di Pouchepadass e l’opinione di Chapron sull’accessibilità hanno portato a un modello di distribuzione su più livelli, che la Film Europe ha adottato e che Hronec chiama “cloud di distribuzione dei film”: incorpora la distribuzione nelle sale supportata da numerose piattaforme VoD e dal canale Film Europe Channel, disponibile in tutta la Slovacchia e la Repubblica Ceca, che permette a chiunque di accedere alla lista dei titoli della Film Europe. 

(Tradotto dall'inglese)

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017