Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

USCITE Belgio

email print share on facebook share on twitter share on google+

Tous les chats sont gris: un’eroina in cerca di un padre

di 

- Un’adolescente alla ricerca di origini e identità ne Tous les chats sont gris, lungometraggio d’esordio di Savina Dellicour

Tous les chats sont gris: un’eroina in cerca di un padre
Manon Capelle in Tous les chats sont gris

Questa settimana esce nelle sale cinematografiche belghe Tous les chats sont gris [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Savina Dellicour. Mera coincidenza temporale, il film esce una settimana dopo L’Année Prochaine [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Vania Leturcq, un’altra opera prima di una giovane regista belga che affronta le pene dell’adolescenza, la difficoltà di trovare il proprio spazio e la ricerca d’identità.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Paul, che vive ai margini della società, torna a Bruxelles dopo qualche anno di lontananza. Vorrebbe riprendere le cose da dove le ha lasciate o, meglio ancora, ripararle. Per prima cosa, vorrebbe riallacciare i rapporti con Dorothy, la figlia biologica che non ha mai riconosciuto e che qualcun altro ha cresciuto al posto suo. Dorothy ha 15 anni, quasi 16, vive nella società benpensante di Bruxelles, la stessa che ha sempre guardato Paul dall’alto verso il basso. D’altronde la relazione con Christine, tanto breve quanto accidentale, non è mai stata veramente accettata, né da lei né da chi le sta intorno. Detective privato in ambito civile, si serve delle sue competenze per portare a termine la missione, osservando Dorothy da lontano. Evidentemente, la sua sorveglianza viene ben presto smascherata e sarà la ragazza stessa, alla ricerca di un padre biologico sul cui conto non sa nulla, a cercarlo per chiedergli una mano a investigare…

Il personaggio di Paul è interpretato da Bouli Lanners, che gli presta tutta la bontà di cui è capace, dandogli un tocco di malinconia. Lo rivedremo presto in altri due film belgi: Je suis mort mais j’ai des amis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Guillaume e Stéphane Malan…
scheda film
]
dei fratelli Malandrin, in uscita il prossimo 27 giugno, e il suo stesso film, Les Premiers les Derniers, le cui riprese sono appena terminate. Insieme a lui, Manon Capelle, una new entry (affiancata da Aisleen Mclafferty che nel film interpreta Claire, la sua migliore amica), che porta una ventata di freschezza perfettamente in linea con il suo ruolo. Christine è interpretata da Anne Coesens, nei panni di una madre incasinata, ruolo non molto diverso da quello che già incarna in L’Année Prochaine

Il film è prodotto da Tarantula, che conferma così il suo interesse per i film d’esordio belgi, dopo Mobile Home [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(François Pirot), A Pelada [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Damien Chemin) e presto anche Baden, Baden di Rachel Lang, con il sostegno del CCA e di Wallimage. Tous les chats sont gris verrà distribuito in Belgio da O’Brother, mentre Be for Films si occuperà delle vendite internazionali grazie alla nuova struttura con sede a Bruxelles.

(Tradotto dal francese)

Film Business Course
WBImages Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss