Dopo l'amore (2016)
Belle Dormant (2016)
Miséricorde (2016)
La comune (2016)
Sámi Blood (2016)
Grave (2016)
Lady Macbeth (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

DISTRIBUZIONE Europa

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il VoD è un business rischioso

di 

- Al Karlovy Vary International Film Festival, i professionisti del settore hanno discusso sulla realtà del mercato online

Il VoD è un business rischioso
Da sinistra: l’esperto di cinema indipendente Andrè Lange; il segretario generale della FIAD Jelmer Hofkamp; Ivo Andrle, rappresentante della compagnia Aerofilms; Michael Gubbins, moderatore; Edward Arentz, Music Box

Nonostante siano presenti circa 700 piattaforme online in Europa, può essere difficile per i distributori mettere a punto strategie vincenti per il lancio on demand di film europei. Questo è stato uno dei temi principali del meeting Europa Distribution, organizzato in collaborazione con il Karlovy Vary International Film Festival e il LUX Prize.

Fino a poco tempo fa, non esistevano possibilità legali per il rilascio online di film d’autore nella Repubblica Ceca. “Abbiamo provato a co-operare con i servizi di VoD locali, ma non sono d’accordo sul mostrare i nostri film,” ha spiegato Ivo Andrle, CEO della compagnia di distribuzione ceca Aerofilms. Per questo motivo, egli ha creato la propria piattaforma online dove i visitatori sanno che tipo di film possono trovare.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“Categorizzare è molto importante. Copiamo ciò che facciamo nei cinema e vendiamo lo stesso genere di film. Invece di aspettare Netflix, abbiamo deciso di fare qualcosa per conto nostro”.

In qualità di esperto di cinema indipendente, Andrè Lange ha fatto notare che vi è una mancanza di trasparenza con piattaforme come Netflix, poiché non rendono pubblico nessun tipo di dati. “Netflix è come una scatola nera. Loro pagano per il tuo film e non si ha la benché minima idea se si sia concluso un buon affare o meno”, ha detto Edward Arentz, proprietario della compagnia di distribuzione indipendente Music Box negli USA. “La mancanza di trasparenza rende davvero difficile avere un rapporto chiaro con loro”.

I distributori vogliono costruire un modello sostenibile, ma a coloro che controllano il mercato VoD non interessa, ha affermato Jan Nazewski, agente di vendita presso la New Europe Film Sales. “Il VoD non è un sistema reattivo. Vendono e promuovono contenuti, ma non assumono rischi”. Netflix fa sì che la gente paghi per il contenuto. “Questo è di grande aiuto”, ha fatto notare Andrle. “Nel mondo del web, ognuno rende disponibile i propri dati. È a favore dei film”.

“L’idea del VoD è di dare alle persone accesso a vari contenuti”, segnala Jelmer Hofkamp, segretario generale dell’International Federation of Film Distributors' Associations (FIAD). Ma i consumatori accedono solamente a piattaforme dove conoscono i nomi dei film e degli attori. “Noi dobbiamo fare tutto il lavoro al fine di creare un’identità per un film”, ha dichiarato Hadrien Lanvin, distributore della compagnia francese Pickup. “Il VoD è un business rischioso, ma dobbiamo provarlo. Il modello base sta cambiando, mi aspetto che sia rimodellato di nuovo. Se Facebook e Google iniziano a proporre servizi di VoD, cambierà tutto”.

Fino ad ora, solo qualche provider di VoD ha contribuito al finanziamento pubblico di film europei. “In dieci paesi europei vi sono obblighi per le piattaforme di VoD di investire in nuove produzioni o contribuire al finanziamento di nuovi film”, ha detto Lange. Il rischio è che i provider nazionali non contribuiscano al finanziamento, poiché compagnie internazionali come Netflix non lo fanno. “Se non c’è possibilità per gli stati membri di difendere il proprio sistema di finanziamento dell’industria cinematografica, tutto il sistema di finanziamento potrà essere smantellato in cinque o dieci anni”.

(Tradotto dall'inglese)

courgette oscar shortlist
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

suspi_2016_web300x250