Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

SARAJEVO 2015 Concorso documentari

email print share on facebook share on twitter share on google+

One Day in Sarajevo: punti di vista diversi su un evento storico

di 

- Jasmila Žbanić consegna un collage girato da varie persone sul 100° anniversario dell'assassinio di Francesco Ferdinando a Sarajevo

One Day in Sarajevo: punti di vista diversi su un evento storico

Il nome cinematografico che più si distingue in Bosnia-Erzegovina dopo Danis Tanović, l'autrice-regista Jasmila Žbanić ha vinto l'Orso d'Oro con Il Segreto di Esma [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Barbara Albert
intervista: Jasmila Zbanic
scheda film
]
, nel 2006, seguito da Il Sentiero [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, For Those Who Can Tell No Tales [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
e Love Island [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, dello scorso anno. Torna al documentario con One Day in Sarajevo [+leggi anche:
intervista: Jasmila Žbanić
scheda film
]
, che ha avuto la sua prima mondiale nella competizione documentari del Sarajevo Film Festival

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il 28 giugno 2014, per il 100° anniversario dell'assassinio di Francesco Ferdinando, erede al trono dell'Impero austro-ungarico, che ha scatenato la Prima Guerra Mondiale, si è tenuta una celebrazione a Sarajevo. L'assassinio è ancora oggetto di molte polemiche nei Balcani e in Europa, con opinioni che vanno dal celebrare l'assassino, Gavrilo Princip, come un eroe a quelle che lo vedono come un terrorista. La Žbanić ha deciso di mettere insieme i vari punti di vista invitando cittadini di Sarajevo, artisti, giornalisti, attivisti politici e amici personali a filmare le loro versioni ed esperienze di quel giorno con piccole telecamere e smartphone.

Il risultato, di 60 minuti, è coinvolgente, stimolante e anche illuminante. Comprende filmati di persone che visitano la tomba di Princip presso una chiesa ortodossa, e la protesta di alcuni attivisti di fronte al Municipio di Sarajevo, dove i funzionari europei erano riuniti per ascoltare un concerto della Filarmonica di Vienna, trasmesso su uno schermo gigante all'esterno - è particolarmente significativo e amaramente divertente vedere i bosniaci alzarsi in piedi per "Deutschland über Alles" (il che spiega perfettamente la protesta degli attivisti contro il neocolonialismo e la spesa di €2 milioni del governo per l'evento). Un'altra inclusione è quella dell'artista concettuale locale Damir Nikšić, che ha girato la sua performance con un cellulare e un bastone per selfie: armato di una pistola ad acqua, imita l'assassinio spruzzando acqua ai parabrezza delle auto che passano nel punto in cui l'omicidio storico ha avuto luogo, e poi pulendo i vetri, chiedendo soldi agli automobilisti.

Oltre ai filmati di persone che lodano Princip o che lo condannano come un terrorista (tra cui due sacerdoti cattolici che suggeriscono che, al fine di portare la pace, seguire la Chiesa Cattolica è sempre una buona idea), il film è intervallato da frammenti di vita quotidiana, come un matrimonio serbo e un immigrato originario di Sarajevo che porta i suoi bambini nati in Canada a vedere dov'è cresciuto.

La Žbanić utilizza anche il girato di tre lungometraggi (due jugoslavi e uno austriaco) come contrappunto agli eventi di oggi, ripetendo la sequenza dell'assassinio di ogni film tre volte per sottolineare i diversi punti di vista e i vari dettagli che vengono scoperti attraverso la ripetizione. 

One Day in Sarajevo è una produzione Deblokada, che ha sede a Sarajevo, NK Projects e Ziva Produkcija, croata.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Film Business Course
WBImages Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss