Ava (2017)
120 battements par minute (2017)
Happy End (2017)
Jupiter's Moon (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
A Ciambra (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

TORINO 2015 Industria

email print share on facebook share on twitter share on google+

Carpignano, Qurbani e Denis tra i nuovi progetti del TorinoFilmLab

di 

- Proseguono nella seconda giornata del TFL Meeting Event le presentazioni di film in fase più o meno avanzata di sviluppo, in cerca di coproduzioni

Carpignano, Qurbani e Denis tra i nuovi progetti del TorinoFilmLab
Jonas Carpignano presenta il suo nuovo progetto, A Ciambra (©TorinoFilmLab)

Storie di adolescenti, genitori e figli, memoria hanno dominato la seconda giornata dell’8° TFL Meeting Event (25-27 novembre). Mentre il Torino Film Festival riproponeva in una sezione apposita otto dei film più recenti supportati dal lab e approdati quest’anno sugli schermi (tra questi, Underground Fragrance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pengfei
scheda film
]
, Mountain [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yaelle Kayam
scheda film
]
, Ni le ciel ni la terre [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), sono proseguiti alla Scuola Holden i pitch dei progetti ancora in fase di sviluppo, in lizza per un premio di produzione del TorinoFilmLab (programma FrameWork). Di adolescenti violenti in una società post-traumatica si parla nel progetto polacco-israeliano A A di Jack Faber (produzione Extreme Emotions), dove un rito d’iniziazione all’età adulta si trasforma in un gioco al massacro. Un teenager nevrotico è il protagonista di Nothing Else Mattress di Bryn Chainey (prod. Revolver Films), comedy-drama in cui il giovane Rhys deve affrontare al contempo la separazione dei suoi genitori e lo spettro di un trasferimento dall’Australia al Galles. È permeato di realismo magico, invece, il mondo di Marnie, la bimba protagonista di The Girl From the Estuary della franco-britannica Gaëlle Denis (Premio BAFTA per il miglior corto d’animazione con Fish Never Sleep), unica regista donna nella selezione FrameWork di quest’anno: un progetto che si preannuncia visivamente sorprendente, tra animazione, effetti visivi e colori (produce Life to Live Films, coproduce La Voie Lactée).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Protagonista adolescente anche per Jonas Carpignano, che prosegue la sua esplorazione dell’umanità della piana di Gioia Tauro, in Calabria, avviata con la sua pluripremiata opera prima Mediterranea [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jonas Carpignano
scheda film
]
(finalista al Premio LUX, attualmente candidata a tre Independent Spirit Awards). Il suo nuovo progetto, A Ciambra [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Jonas Carpignano
scheda film
]
, nel programma Script&Pitch, è incentrato sull’undicenne rom Pio, alle prese con responsabilità più grandi di lui e le pressioni della ‘Ndrangheta; nel cast c’è anche Ayiva (Koudous Seihon), l’immigrato del Burkina Faso già protagonista di Mediterranea; le riprese cominceranno la prossima primavera (produce Stayblack Productions). Tra i progetti di Script&Pitch presentati nella seconda giornata del TFL, anche Pig del bulgaro Dragomir Sholev (Gorilla Films), protagonista un tredicenne outsider bullizzato dai suoi compagni di scuola; e ancora, The Staffroom della croata Sonja Tarokic (prod. Kinorama), in cui una giovane insegnante si confronta con un sistema scolastico claustrofobico.

Si segnalano infine il progetto di opera terza di Burhan Qurbani (Shahada, We Are Young. We Are Strong [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), storia di amicizia e tradimento tra un rifugiato nigeriano e uno spacciatore tedesco, a Berlino, intitolato Berlin Alexanderplatz, come il libro di Alfred Döblin da cui è tratto (programma Adapt Lab; Sommerhaus Filmproduktion), e Guarda in alto, progetto di opera prima dell’italiano Fulvio Risuleo (in Biennale College - Cinema): un road movie sui tetti di Roma alla scoperta di un vero e proprio mondo upperground, tra il realistico e il fantastico; le riprese sono previste per il prossimo maggio (prod. Revok).

Si ricorda che le iscrizioni per l’edizione 2016 di Adapt Lab e Story Editing (formazione per lo sviluppo di sceneggiature, diventato da quest’anno un programma a sé) sono ora aperte, fino al 1° dicembre. Il 1° febbraio sarà il termine per partecipare al programma Audience Design, l’8 febbraio è invece la scadenza per FrameWork.

Producers on the Move
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Filmitalia Cannes 2017