Nocturama (2016)
Paris La Blanche (2016)
Félicité (2017)
Waldstille (2016)
The Other Side of Hope (2017)
Noces (2016)
La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FESTIVAL Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Anacleto, agente segreto miglior film a Courmayeur

di 

- La 25ma edizione del Noir in Festival si è conclusa ieri con la vittoria della black comedy di Javier Ruiz Caldera. Premio speciale a Into the Forest di Patricia Rozema

Anacleto, agente segreto miglior film a Courmayeur
Imanol Arias e Quim Gutiérrez, protagonisti di Anacleto, agente segreto

Si è conclusa ieri 13 dicembre con la vittoria di Anacleto, agente segreto [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dello spagnolo Javier Ruiz Caldera, l’edizione 2015 del Courmayeur Noir in Festival, che ha spento quest’anno le sue 25 candeline. La scatenata black/spy comedy del già apprezzato regista di Spanish Movie [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Promoción fantasma [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Tres bodas de más [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Javier Ruiz Caldera
scheda film
]
, si è aggiudicata il Leone nero per il miglior film, col 92% dei voti espressi dal pubblico del festival. Il Premio speciale della giuria popolare del Noir in Festival è andato invece (con l’88% dei voti espressi) al melodramma futuribile Into the Forest della canadese Patricia Rozema, film che lancia il suo attualissimo monito sulla forza della natura e la fragilità del nostro mondo consumista.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Mandata in archivio l’edizione delle nozze d’argento – che ha ospitato, fra l’altro, la prima mondiale del primo episodio del nuovo X-Files e l'anteprima nazionale della spy story Il Ponte delle spie di Steven Spielberg, con Tom Hanks – il NoirFest si prepara ora a nuove avventure: una puntata speciale in Valle d’Aosta a fine gennaio in accordo con la Film Commission che si realizzerà in occasione dell’uscita italiana di Point Break (in parte girato lì) e un’edizione totalmente rinnovata per il prossimo inverno. “È ancora presto per capire come e dove battere il prossimo ciak del festival – afferma Giorgio Gosetti, che dirige il festival con Marina Fabbri – ma oggi la nostra gratitudine va a quanti a Courmayeur e nella Vallée hanno creduto in noi e ci hanno sempre sostenuto, consapevoli che il nostro lavoro tra spettacolo e cultura può essere un valore aggiunto per l’identità di questi magnifici luoghi alle pendici del Monte Bianco”. 

Bridging the Dragon
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

CASI HECHO Home