Glory (2016)
The Party (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
Out (2017)
L'altro volto della speranza (2017)
Quello che so di lei (2017)
Una vita (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

BERLIN 2016 Svizzera

email print share on facebook share on twitter share on google+

Tobias Nölle debutta alla Berlinale

di 

- Il giovane regista svizzero implicato nel progetto corale Heimatland, presenterà in prima mondiale nel programma Panorama della Berlinale il suo Aloys

Tobias Nölle debutta alla Berlinale
Georg Friedrich in Aloys

La cinematografia svizzera si rallegra della selezione del film Aloys [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Tobias Nölle
scheda film
]
del giovane Tobias Nölle nel prestigioso programma Panorama della Berlinale. Trenta i film confermati finora (due terzi del programma è completo) per l’immancabile appuntamento berlinese che si svolgerà il prossimo febbraio.

Nato nel 1976 vicino a Zurigo, Tobias Nölle parte per New York per frequentare la School of Visual Arts  dove ottiene un BFA in Film. Insieme a un promettente gruppo di giovani registi svizzeri (dieci in tutto) ha recentemente dato forma al progetto Heimatland [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carmen Jaquier e Lionel Ru…
scheda film
]
, film corale che mette in scena una Svizzera claudicante, spodestata e indifesa. Il film è stato presentato in concorso all’ultimo Festival del Film Locarno e ha ricevuto numerosi premi, fra i quali lo Zürcher Filmpreis, il Berner Filmpreis e il terzo premio della Giuria dei giovani proprio a Locarno.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Aloys, suo primo lungometraggio, parla di una relazione fusionale, quella di un figlio con suo padre appena deceduto. Abituato a lavorare in team con suo padre nell’agenzia investigativa familiare, Aloys si ritrova improvvisamente solo, abbandonato a una routine fatta di lunghe ore di “spionaggio”. Piano piano però qualcosa sembra insinuarsi nel suo quotidiano sconvolgendo una vita meticolosamente programmata. Il senso di sicurezza che l’ha sempre caratterizzato sembra sgretolarsi poco a poco. A dare voce e corpo ad Aloys troviamo l’attore austriaco Georg Friedrich, habitué della Berlinale dove è stato incoronato Shooting Star nel 2004. Un debutto pieno di promesse per un regista da seguire da vicino. 

Emilia Romagna_site IT
Odessa site
Film Business Course
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss