A Ciambra (2017)
Happy End (2017)
The Killing of a Sacred Deer (2017)
120 battements par minute (2017)
The Square (2017)
Le Redoutable (2017)
Jupiter's Moon (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FINANZIAMENTI Belgio

email print share on facebook share on twitter share on google+

Le coproduzioni protagoniste dell’80a sessione di finanziamento di Wallimage

di 

- L’italiano Carlo Hintermann, l’irlandese Rebecca Daly, i francesi Philippe de Chauveron e Hervé Jakubowitz e il belga Daniel Remi selezionati in questa sessione

Le coproduzioni protagoniste dell’80a sessione di finanziamento di Wallimage
Il regista Carlo Hintermann

Mentre Wallimage festeggiava la settimana scorsa il suo 15° anniversario, il fondo vallone ha appena chiuso la sua 80a sessione di finanziamento, una sessione segnata da un afflusso di progetti eccezionalmente attraenti, ma anche da una contrapposizione di stili tra film di diversa provenienza europea all’insegna della cinefilia e produzioni francesi apertamente rivolte al grande pubblico.  

Entre Chien et Loup porta in Belgio The Book of Vision, un ambizioso progetto di Carlo Hintermann che segue il percorso di Eva, una giovane e promettente dottoressa di stanza in un ospedale romano che decide di abbandonare la sua carriera medica per dedicarsi allo studio della Storia della Medicina in un’università americana. Laggiù incontra Kevin, un tutor atipico e scopre negli archivi della scuola la storia di un dottore del XVIII secolo che la affascina. Al punto che, poco a poco, le epoche si sovrappongono fino a confondersi. Al fianco dell’attrice olandese Carice van Houten (Melisandre ne Il trono di spade), ritroveremo Jérémie Rénier e Gabriel Byrne, in questo film coprodotto da Terrence Malick.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)


Altra coproduzione di livello è Good Favour dell’irlandese Rebecca Daly (Mammal [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), guidata da Wrong Men, che prosegue così la sua avventura irlandese dopo Pilgrimage, coprodotto sempre da Savage Film.

Sul fronte francese, due commedie popolari dal potenziale certo sono ai blocchi di partenza. Bras ouverts, nuovo lungometraggio di Philippe de Chauveron, regista di Qu’est-ce qu’on a fait au Bon Dieu [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, mette in scena un intellettuale che vede la sua casa invasa da una famiglia di Rom, il che metterà a dura prova la sua tanto rivendicata apertura mentale. Il film è coprodotto da Nexus. uMedia coproduce invece Alexandre lui-même di Hervé Jakubowitz, una commedia sulla reincarnazione con Manu Payet (Tout pour être heureux [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Radiostars
 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Grégoire Ludig (Babysitting [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) e Didier Bourdon (Le Grand Partage [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Les Trois Frères). 

L’ultimo progetto è un documentario, André Cools - Une vie, un destin di Daniel Remi, che esplora il destino dell’uomo politico vallone oggi scomparso.  

(Tradotto dal francese)

Cannes NEXT
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Swiss Films Cannes