La ragazza senza nome (2016)
Il più grande sogno (2016)
King of the Belgians (2016)
Un padre, una figlia (2016)
La mia vita di zucchina (2016)
The Ornithologist (2016)
Things to Come (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

VENEZIA 2016 Giornate degli Autori

email print share on facebook share on twitter share on google+

Indivisibili: separarsi per crescere

di 

- VENEZIA 2016: Due anni dopo Perez, Edoardo De Angelis torna a Venezia con una storia di simbiosi e separazione, protagoniste due gemelle siamesi che scoprono di potersi dividere

Indivisibili: separarsi per crescere
Angela e Maria Fontana in Indivisibili

Camminano abbracciate l’una all’altra, condividono vestiti e sensazioni, stanno sempre insieme perché separarsi, per loro, non è proprio possibile. Sono due gemelle siamesi le protagoniste di Indivisibili [+leggi anche:
trailer
film focus
intervista: Edoardo de Angelis
scheda film
]
, il nuovo applauditissimo film di Edoardo De Angelis che torna a Venezia, stavolta alle Giornate degli Autori, due anni dopo la selezione fuori concorso di Perez [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Il regista napoletano non fa che confermare la vivacità del cinema partenopeo in termini di talenti e fantasia, con questa storia originale, inedita, che parla di separazione, crescita e amore, incentrata su una coppia di sorelle, Dasy e Viola (Angela e Marianna Fontana, gemelle ma non siamesi), che a 18 anni scoprono di potersi dividere.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Cine Iberoamericano Int

I loro genitori, però, non sono d’accordo. Siamo a Castel Volturno, le due sorelle sono delle star locali e mantengono, cantando ai matrimoni, tutta la famiglia. Sono richiestissime proprio per la loro particolarità, oltretutto si pensa che portino fortuna, come fossero creature sacre. Il padre (Massimiliano Rossi), manager e autore delle loro canzoni, e la madre (Antonia Truppo), donna senza qualità e accanita fumatrice d’erba, hanno sempre tenuto nascosto alle due ragazze la possibilità di dividersi. E quando un medico (Peppe Servillo) incontrato a una festa insisterà per operarle, l’equilibrio tra le due sorelle e di tutta la famiglia andrà in frantumi. Dasy è decisa ad andare fino in fondo, vuole fare una vita normale, viaggiare, ballare, fare l’amore; Viola ha paura della separazione, della solitudine, senza sua sorella la sua vita non ha senso. Ma persino discutere è complicato quando si è attaccate per il bacino, e solo un atto disperato potrà portare a una soluzione.

Oscillante tra realismo e visionarietà, bellezza e bruttezza, e tra religione e superstizione, un film come Indivisibili non sarebbe stato possibile senza un’efficace coppia protagonista, e le sorelle Fontana sono una bellissima scoperta: eccezionalmente espressive e naturali, un volto da Madonna e una bella voce (sono ex concorrenti del talent show di Raiuno Ti lascio una canzone), sanno dare vita in modo credibile a queste due gemelle inseparabili, si guardano, si abbracciano, si trascinano l’una con l’altra, ridono, piangono, scoprono nuovi mondi e talvolta si scambiano i ruoli. Una storia estrema di simbiosi e separazione, ma che tocca tutti noi, perché “tutti possiamo rivederci in un legame strettissimo fra due individui” osserva De Angelis “come due innamorati, un figlio e una madre, che hanno il desiderio e al tempo stesso la paura di separarsi”.

Indivisibili è una produzione Tramp Limited e O’Groove. La distribuzione italiana è affidata a Medusa (uscita prevista il 29 settembre), le vendite internazionali sono gestite da True Colours

Leggi anche

Home Sweet Home
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss

Les Arcs