Quello che so di lei (2017)
Bigfoot Junior (2017)
The Party (2017)
Western (2017)
Que Dios nos perdone (2016)
L'altro volto della speranza (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FILM Francia/Italia/Belgio

email print share on facebook share on twitter share on google+

Il sogno di Francesco: gioia e rivoluzione di un santo

di 

- Il film di Renaud Fély e Arnaud Louvet su San Francesco d’Assisi e il suo amico fraterno e seguace Elia da Cortona è interpretato da Elio Germano e Jérémie Renier

Il sogno di Francesco: gioia e rivoluzione di un santo
Elio Germano in Il sogno di Francesco

La gioia nella povertà e nell’umiltà. E’ questo che predica San Francesco d’Assisi nel film Il sogno di Francesco [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
in uscita in Italia il 6 ottobre con Parthénos e a fine anno in Francia con Haut et Court. Una coproduzione tra Francia, Italia e Belgio di Æternam Films con MIR Cinematografica, Rai Cinema e Entre Chien et Loup, il film è diretto da Renaud Fély e Arnaud Louvet, che lo hanno anche scritto assieme  a Julie Peyr, con la collaborazione di Elizabeth Dablemon. Fely è al suo secondo lungometraggio dopo Pauline et François [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, prodotto da Louvet, che è invece alla sua prima regia dopo numerose collaborazioni produttive (inclusi Viva la sposa [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ascanio Celestini
scheda film
]
di Ascanio Celestini e Io sono Li [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Andrea Segre
intervista: Andrea Segre
scheda film
]
di Andrea Segre). 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il vero protagonista de Il sogno di Francesco non è tuttavia il santo d’Assisi, impersonato da Elio Germano, ma piuttosto il suo amico fraterno e seguace Elia da Cortona, interpretato da un Jérémie Renier in “stato di grazia”. E’ proprio questo punto di vista originale che caratterizza il film e costituisce l’elemento che lo distingue dalle opere sulla figura di Francesco di maestri come Rossellini, Cavani e Zeffirelli. E’ il rapporto tra i due personaggi che i registi vogliono mettere a fuoco per sottolinearne le differenze stridenti. Francesco, con un ideale purissimo che va al di là delle cose terrene. Elia, devoto e spiritualmente motivato ma allo stesso tempo pronto al compromesso per raggiungere gli scopi prefissi. Con una regia delicata e minimalista Fely e Louvet mettono a confronto i due personaggi storici per tracciarne un ritratto umanissimo e attuale. 

Siamo nel 1209 e papa Innocenzo III ha appena opposto il suo rifiuto all’approvazione della “Regola” che dovrebbe dare legittimità alla confraternita che si è formata attorno a Francesco. Il futuro santo vive in assoluta povertà accanto ai bisognosi ed è insofferente alle gerarchie ecclesiastiche, contrario ad ogni controllo e compromesso con Roma. “Non si mercanteggia la libertà”, dice al suo amico Elia che tenta di convincerlo a rendere meno “radicale” il documento e salvarlo dalle insinuazioni sulla sua ereticità. All’amica e collaboratrice Chiara (Alba Rohrwacher) confida: “Vogliono un capo, ma io non lo sarò mai”. 

La diversità del giovane Elia, di famiglia altolocata e fresco di studi giuridici, è evidente. Quello che diventerà un importante uomo politico e consigliere di Federico II di Svevia ha lasciato tutto per vivere con Francesco e aiutarlo a costruire un mondo migliore. Vuole coltivare un orto per poter dare da mangiare ai derelitti e “combattere la povertà”, ma gli altri seguaci di Francesco gli obiettano che bisogna combattere piuttosto la ricchezza. Ma Elia non è un contemplativo. Su consiglio del cardinale Ugolino (Olivier Gourmet) e approfittando dell’infermità di Francesco, Elia cancellerà di sua mano i riferimenti più “estremisti” al Vangelo, ai quali Francesco teneva molto, e riuscirà a far approvare la “Regola”. Francesco accetta il suo ruolo di intermediario ma non lo perdona e prima di tornare ai suoi poveri, gli intima di non seguirlo e di rimanere a rappresentare la confraternita presso le istituzioni ecclesiastiche. Elia lo raggiungerà anni dopo, nel 1226, nella grotta della Verna, presso Arezzo: Francesco è in fin di vita e su mani e piedi sono apparse le stigmate.

Leggi anche

DPC
WBImages Locarno
Swiss Locarno
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss