The Nothing Factory (2017)
The Charmer (2017)
Mademoiselle Paradis (2017)
One Step Behind the Seraphim (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
The Square (2017)
On Body and Soul (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

CANNES 2002 Concorso

email print share on facebook share on twitter share on google+

Riflessi hollywoodiani

di 

- Francia, Polonia, Germania e Gran Bretagna hanno coprodotto The Pianist, Roman Polanski lo ha diretto con stile internazionale

A leggere i credits de Il pianista, presentato al Palais il 24 maggio, s´immagina che il Festival abbia voluto non solo onorare un grande regista come Polanski, ma anche sottolineare di più la vocazione europea della manifestazione. Il pianista, infatti, è il frutto di una coproduzione tra quattro stati europei: Francia, Polonia, Germania e Gran Bretagna. Se un film ha diritto di chiamarsi europeo, questo è Il pianista. E non solo per lo sforzo produttivo che coinvolge quattro paesi del vecchio continente; lo è anche per l´argomento che tratta: l´Olocausto, così come l´ha vissuto un pianista ebreo di Varsavia, scampato miracolosamente alla morte, grazie alla musicofilia di un ufficiale tedesco; un pianista realmente esistito, che sulla sua esperienza ha scritto un libro, nel quale l´ebreo Polanski, che ha vissuto un'esperienza pressappoco simile all´età di dieci anni, ha trovato parecchi motivi d´identificazione.
Eppure, dopo pochi minuti di proiezione, precisamente dopo alcune immagini in bianco e nero, tratte da una vecchia cineattualità polacca, illustrante la vita a Varsavia nel 1939, prima dell´invasione tedesca, non appena le immagini prendono a colorarsi, si ha la sensazione di piombare in una rievocazione degli eventi di tipo hollywoodiano, della Hollywood degli anni Sessanta, quando imperava la Runaway Production: gli ebrei polacchi parlano tra di loro un perfetto inglese, la fotografia, sebbene curata dal polacco Wojciech Kilar, ha la levigatezza dei film americani di quell´epoca. Più che allo spielberghiano Schindler´s List, pensi al Dottor Zivago di David Lean, coprodotto da Carlo Ponti con la Metro Goldwyn Mayer.
Eppure si tratta d´un film di memoria. Possibile che la memoria europea di Polanski, nata nel «sangue d´Europa», si tinga di colori hollywoodiani? E´ vero che i registi polacchi hanno una vocazione internazionale sconosciuta ai loro colleghi europei, sia dell´Est che dell´Ovest. Ma si tratta di una vocazione limitata al nostro continente: i film di Wajda, Skolimowski, Borowczyk, Zanussi, Kawalerowicz. Solo Munk è morto troppo presto per fare il pendolare tra l´Europa dell´Est e l´Europa dell´Ovest. Polanski però è diverso. Polanski è anche il regista di Chinatown, uno dei grandi film della Hollywood degli anni Settanta. Se oggi non lavora a Hollywood, dipende dai suoi problemi personali.
Ho conosciuto Polanski nel 1997 a Venezia, dove facevo parte della giuria che lui presiedeva: la Mostra che aveva in concorso The funeral di Abel Ferrara, Briganti di Ioseliani, Profundo Carmesi di Ripstein, per citare i film che più si ricordano. Lui impose la sua indiscussa autorità per premiare Michael Collins di Neil Jordan, irlandese, ma col marchio Warner Bros bene impresso anche sul piano culturale. L´argomento principe fu la sua formidabile fattura. Michael Collins: un altro film rievocativo. Il perfezionismo è l´ossessione di Polanski: lo si vede anche ne Il pianista, nella formidabile digitalizzazione delle rovine del ghetto di Varsavia. Ma è il perfezionismo che ha trovato la sua perfezione (scusate il bisticcio di parole) nella mentalità hollywoodiana.
Nel corso della seduta finale di quella giuria, provai a difendere Pianese Nunzio di Capuano, che procedeva in senso contrario ai gusti di Polanski. Per fare un po´ di colpo su di lui, inventai un paragone musicale:»Diciamo che è un film dodecafonico». Polanski mi rispose con una voce quasi lamentosa: »Ma io amo Mozart«.

San Sebastian Report
Jihlava
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss