La vendetta di un uomo tranquillo (2016)
From the Balcony (2017)
Insyriated (2017)
On Body and Soul (2017)
Les Fantômes d'Ismaël (2017)
Verano 1993 (2017)
Indivisibili (2016)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

FILM Italia

email print share on facebook share on twitter share on google+

Scusa ma ti voglio sposare: i quarantenni secondo Moccia

di 

Li avevamo lasciati al faro a promettersi amore eterno, ora li ritroviamo, tre anni dopo, alle prese con i preparativi per il loro matrimonio: riecco Alex e Niki (al secolo Raoul Bova e Michela Quattrociocche), lui 39 anni, lei 20, più felici e innamorati che mai. La premiata ditta Moccia & Co. torna infatti sugli schermi, per la gioia del suo affezionato pubblico di adolescenti, con l'atteso sequel di Scusa ma ti chiamo amore [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. E il motivo delle scuse è sempre più nobile: Scusa ma ti voglio sposare è il titolo del nuovo film scritto e diretto da Federico Moccia, tratto ancora una volta da un suo romanzo. E squadra che vince non si cambia: stessi sceneggiatori (insieme a Moccia, Luca Infascelli e Chiara Barzini), stesso cast tecnico, stessi attori (oltre alla coppia di protagonisti, Cecilia Dazzi e Pino Quartullo, Francesca Antonelli e Francesco Apolloni, Ignazio Oliva e Luca Angeletti), con la new entry Andrea Montovoli.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Più corale e ironico del precedente (13 milioni di incasso), il film si sofferma sui quarantenni in crisi e sul matrimonio. "Così come i fan di Brad Pitt e Angelina Jolie vogliono sempre sapere se stanno insieme oppure no, ho voluto raccontare al mio pubblico gli sviluppi della storia d'amore tra Alex e Niki", spiega Moccia. "Allo stesso tempo, ho cercato una chiave più comica, rappresentata benissimo dai genitori di Niki (Dazzi e Quartullo), e ho dato più spazio alle storie degli altri personaggi".

Enrico (Angeletti) è un papà single, Pietro (Apolloni) ha seri problemi con il concetto di fedeltà, Flavio (Oliva) e la sua compagna non hanno più niente da dirsi. Inevitabile il confronto con i quarantenni ritratti dal collega Gabriele Muccino: "E' un'età dalle tante sfaccettature", è intervenuto Raoul Bova, "Muccino e Moccia si completano: uno è più travagliato, l'altro più sognante. Sono due aspetti dell'amore e io, da quasi quarantenne, li ho vissuti entrambi".

Scusa ma ti voglio sposare, la cui colonna sonora è firmata dagli Zero Assoluto, esce oggi nelle sale italiane, distribuito in 560 copie da Medusa Film.

Film Business Course
Festival Scope Quinzaine
WTW Unexpected Love Stories
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss