email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2022 Berlinale Special

Peter Flinth • Regista di Against the Ice

“Mi interessava capire cosa guida un esploratore, cosa lo spinge a continuare”

di 

- BERLINALE 2022: Nel suo titolo targato Netflix, il regista danese dimostra che si può soffrire di claustrofobia anche nel nord-est della Groenlandia

Peter Flinth • Regista di Against the Ice

Dopo la sfortunata spedizione in Danimarca del 1908, il capitano Ejnar Mikkelsen (Nikolaj Coster-Waldau) e il suo meccanico Iversen (Joe Cole) partono per la Groenlandia, come racconta Against the Ice [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Peter Flinth
scheda film
]
di Peter Flinth. Ma affermare le pretese danesi su quelle terre ghiacciate si rivela l'ultimo dei loro problemi. Abbiamo parlato con Flinth del suo film proiettato nella sezione Berlinale Special della Berlinale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Nel film ci sono questi ampi spazi, eppure per metà è  claustrofobico. Questo contrasto era importante per te?
Peter Flinth: Quando ho letto la storia, ho detto: “Wow. Come reagisci all'essere intrappolati in un paesaggio così vasto?" Questa è stato il turning point, metterli in questa pentola a pressione. Mentre facendo le mie ricerche, ho fatto un viaggio lungo la costa nord-orientale della Groenlandia con una nave della marina, e avevamo una pattuglia con la slitta che usava questo capanno. È stato costruito dopo un naufragio più di 100 anni fa ed è ancora lì! Il contrasto tra avere tutto lo spazio di cui avevano bisogno e poi essere intrappolati così vicini tra loro ha rappresentato sicuramente la dinamica del film.

Crea quasi un effetto comico. Comunicano molto meglio quando affrontano tutte queste difficoltà rispetto a quando sono bloccati lì, in attesa.
È come con le riunioni di famiglia: va tutto bene se è un picnic, ma una volta che sei in una piccola casa estiva, è una questione ben diversa. Penso che molti possano identificarsi con questa situazione: loro hanno avuto una tempesta di neve, mentre noi abbiamo avuto il covid. Quello che mi interessava davvero, però, era capire cosa motiva un esploratore. Cosa ti fa venire voglia di continuare? L'aspetto geopolitico della storia era che a quel tempo non c'erano molti posti inesplorati rimasti. Gli americani stavano cercando di rivendicare quel territorio, quindi lui ha detto: “Lo farò io. Rischio tutto per mappare questa terra inesplorata. Come dice il protagonista del film, non pensi mai di non farcela. Mikkelsen crede di aver bisogno di quell'impresa - facendola a modo suo - e poi si rende conto che deve fare affidamento su un compagno.

Su un compagno accidentale, si potrebbe dire.
Siamo stati tutti costretti qualche volta a lavorare con una persona diversa da quelle con cui lavoriamo normalmente. Allora devi trovare la maniera per farlo. Impari che hanno le loro idee e che forse è bello ascoltare. È tutto basato su una storia vera, scritta da questo capitano. Parla di una cartolina con sopra delle giovani donne: è tutto ciò che avevano. Stavano inventando storie innocenti, descrivendo le ragazze una per una, e poi si sono innamorati della stessa. È stato come subire un tradimento! Ma avevano entrambi bisogno di superarlo.

Hai menzionato l'innocenza in altri film su uomini costretti a stare assieme in un luogo isolato, come The Lighthouse, il risultato è molto più duro e folle.
Mi piaceva che fossero brave persone. Sono diventati amici per la vita; c'era decenza in loro e rispetto reciproco. Puoi leggerlo tra le righe perché anche il meccanico teneva un diario. Erano molto riservati e professionali, anche se il capitano ha mantenuto il suo status di leader. Il povero Iversen doveva cucinare e preparare il tè. In seguito scrisse: “Oh. Finalmente non devo cucinare". Ma non si stavano facendo a pezzi a vicenda.

Sembra un progetto a lungo desiderato da Nikolaj, che lo ha anche co-prodotto e ha scritto la sceneggiatura [con Joe Derrick]. Com'è andata?
Ci conosciamo da molto tempo, ci siamo conosciuti quando ero alla scuola di cinema e abbiamo girato il nostro primo film insieme. Più tardi, ero assistente alla regia nel suo lungometraggio di debutto. Molti anni fa, mi sono imbattuto in questa storia di due esploratori e quando lui l'ha letta, ha detto: "Questo è il film che faremo insieme". Fortunatamente, a quelli di Netflix è piaciuto e ci hanno presentato Baltasar Kormákur. Ha tanta esperienza con i film sulle spedizione. Inoltre, se vuoi fare qualcosa con la neve, vai in Islanda: sanno cosa va fatto. Abbiamo portato gli attori con noi, in modo che fossero circondati da tutto questo ghiaccio e neve. Era impegnativo, dal punto di vista della produzione, ma almeno la troupe islandese era abituata a quel tempo.

Ho riso a crepapelle quando a un certo punto si accorgono che qualcuno era stato nella capanna mentre loro erano via e si erano dimenticati di lasciare un biglietto.
Dopo che è successo, Iversen ha smesso di scrivere nel suo diario per settimane. Il capitano ha scritto solo: "È stata una giornata amara". Era una situazione tragica, ma anche qui era importante avere calore e umorismo insieme. Altrimenti sarebbe stata una storia difficile da seguire. Avevi bisogno di qualcosa per cui sorridere, anche quando impazzivano.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy