email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2022 Concorso

Helena Wittmann • Regista di Human Flowers of Flesh

"Quando scrivo una scena, mi concentro sul momento"

di 

- La regista e artista visiva tedesca riflette sul suo approccio artistico e sulla spinta investigativa alla base del suo secondo film ipnotico dal ritmo lento

Helena Wittmann • Regista di Human Flowers of Flesh

Al Locarno Film Festival, dove il suo film Human Flowers of Flesh [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Helena Wittmann
scheda film
]
partecipa al Concorso Internazionale, abbiamo parlato con Helena Wittmann del Mediterraneo come spazio senza confini, dei vantaggi delle piccole troupe cinematografiche e dei segnali di realtà nascoste che ci circondano.

Cineuropa: Entrambi i lungometraggi che hai realizzato finora – Drift [+leggi anche:
trailer
intervista: Helena Wittmann e Theresa …
scheda film
]
e Human Flowers of Flesh – sono strettamente legati al mare. Da dove arriva questa connessione con il mare?

Helena Wittmann: Ho la sensazione che tutti abbiamo un certo legame personale con il mare, soprattutto da quando ho girato Drift. E la natura di questa connessione dipende dal fatto che siamo nati in riva al mare o lontani da esso. Vengo da un luogo 300 km nell'entroterra. Nel 2005 mi sono trasferita ad Amburgo dove attraverso il porto si possono sentire i legami anche con altri mari e oceani, quindi in Drift ho cercato di esplorare questo spazio di scambio economico ma anche ambientale. Sono emerse così tante domande e soltanto su alcune ho potuto concentrarmi in quel film, quindi dovevo continuare. In Human Flowers of Flesh il mare ha un aspetto diverso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Certamente. E nel tuo secondo lungometraggio sembri esplorare varie condizioni dell'uomo e della natura attraverso la contemplazione e non si può fare a meno di pensare alla tua esperienza di artista visiva, poiché molti passaggi ricordano la video arte. È tutto volutamente congegnato o è intuitivo?
È piuttosto il mio approccio alla comprensione e all'osservazione da vicino del mondo. Quando hai tempo per quello, ti rendi conto che è tutto lì e sta raccontando una storia, o molte storie, o la Storia. Mi sono sforzata di scoprire come catturarlo, inquadrarlo e sovrapporlo. Forse il mondo in cui viviamo è rimasto un po' a corto di energia per sostenere questa osservazione. Attraverso Human Flowers of Flesh ho capito che tutto era fluido e interconnesso e che i confini in realtà non esistono. Gli organismi nell'acqua sono sempre in contatto, si mescolano e cambiano posto. Nel Mediterraneo tutto è in continuo mutamento, esseri umani compresi. È un ambiente fondamentalmente molto vivido e in costante movimento anche se non così diviso. Volevo portarlo sullo schermo, il cinema sembra lo strumento perfetto per esplorarlo. Nello spazio artistico non abbiamo l'opportunità di concentrarci in questo modo.

Com'era essere dietro la macchina da presa e l'atmosfera sulla barca? Abbiamo girato la parte principale ininterrottamente nel 2020 per sei settimane. Il Covid ha reso le cose difficili, soprattutto con cast e troupe internazionali. Ma la squadra era piuttosto piccola e mi piaceva così perché conserva una certa intimità. Avevamo una barca in più ma alla fine non l'abbiamo mai usata, quindi eravamo davvero pochi, 16 persone in realtà. Ho avuto un'esperienza simile con Drift e volevo mantenerla così perché fa qualcosa con la percezione e con il modo in cui i personaggi si scambiano e si influenzano a vicenda. A volte sembrava uno spazio utopico, forse anche perché era quello strano periodo della pandemia. Avevamo una sceneggiatura, ovviamente, ma non potevamo girare in Algeria come avevamo previsto a causa delle restrizioni, quindi l'ultima parte è stata girata in Marocco: Rabat e Merzouga nel deserto.

I personaggi non hanno una biografia; la loro navigazione nel Mediterraneo sembra una metafora del loro fluttuare liberamente attraverso la vita. Il loro stato "liquido" ti ha portato alla decisione di non tirare fuori nessuna storia personale?
Sono molto interessato alle situazioni. Quando scrivo una scena, si tratta davvero del momento. Non credo molto nella causalità, in qualche modo mi annoia. Per questo ho voluto liberarli dal bagaglio del loro passato. C'è qualcosa di generoso e bello nella loro interazione istantanea nei momenti di condivisione, come leggere poesie, ecc. L'importante per me è il contesto, la comunità che creano qui e ora.

D'altra parte, il crescente interesse della protagonista per la Legione Straniera francese fa riferimento alla Storia e solleva una questione politica molto importante: perché questa struttura militare del passato coloniale è ancora funzionante lì? Forse perché il colonialismo non è passato?

Sono felice che tu l'abbia visto così perché questa era la mia intenzione, per far riflettere gli spettatori su questo. Per me è come un accenno alla possibilità di una guerra civile o di un altro tipo di conflitto, ma è in realtà la mia personale opinione speculativa, quindi non sto coinvolgendo il pubblico con una tale interpretazione. Inoltre, ci sono così tanti conflitti in tutto il mondo, ma qui in Europa occidentale spesso ce ne dimentichiamo. Il contesto militare è sotto la superficie e fa parte della realtà.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy